Diario di viaggio: Strasburgo [Parte III]

Ho pensato di creare un capitolo a parte in questo diario di viaggio- o diario di una missione, che fa più cool- per dedicarlo alle scoperte gastronomiche immancabili durante un soggiorno in Francia.
Per l’aspetto enologico non sono purtroppo la persona più adatta e l’unica bevanda che ho provato, oltre all’acqua Vittel o Perrier, è stato il sidro, assaggiato durante la mia DSC_0938.JPGprima cena. Ho mangiato a La Plouzinette, o Creperie Breton (l’insegna riportava due nomi), in Place Saint-Etienne, uno di quegli adorabili angoletti di cui vi accennavo nei post precedenti, poco distante dalla cattedrale. Specialità del locale, piccolo ma curato in ogni dettaglio, crêpes di tutti i generi. E non si tratta delle crêpes cui siamo, o almeno sono, abituati in Italia, dal sapore delicato e ripiene come dei cannelloni, sovrastate poi da besciamella (e sono buonissime anche queste, ben inteso!), ma di crêpes più consistenti, realizzate con una farina probabilmente integrale, a giudicare dal colore scuro dell’impasto, e presentate semiaperte sul piatto. Io ho ordinato una crêpe tradizionale con jambon e comtè e mi sono poi lasciata tentare dalle proposte dolci, dividendo con il mio commensale una crêpes al caramello salato ed una ripiena di crema di nocciole locale.

Tra le raccomandazioni gastronomiche ricevute prima della partenza, non ho assecondato quella della quiche, a me e al mio stomaco già ben nota da Roma. Ho però voluto provare la famosa tarte flambé, ordinata nello specifico nella versione gratinee, ovvero con emmentaler in aggiunta agli ingredienti tradizionali: cipolla, pancetta e comtè. Si tratta di una sorta di pizza che è però molto più sottile e leggera, una sorta di crepe più croccante e consistente, ed è una vera specialità alsaziana. L’ho mangiata al Bistrot des Compains, a due passi dalla Petit France.

DSC_0967.JPG

Chi mi conosce sa bene che non esiste cibo più degno di essere chiamato tale se non i dolci, quindi mi sono concessa una pausa pranzo al Parc de l’Orangerie, degustando i tipici savoiarde della patisserie Patrick seduta su una panchina con vista lago.

L’esperienza croissant era già stata fatta a Parigi e debbo ammettere che Strasburgo ha riconfermato tutte le mie convinzioni: evviva i croissant e il pane francesi, evviva il burro usato come se non ci fosse un domani! D’altronde non mangio cornetti francesi tutte le mattine, quindi un’esplosione di fragranza e dolcezza, seppur provocata da ingenti quantità di burro, vale la pena di essere vissuta quando si è in suolo francese.

Riporto infine a casa altri fondamentali ricordi culinari di questa terra che, bisogna ammetterlo, in campo gastronomico sa il fatto suo. Formaggi e macarons sono stati preferiti al vino o al foie gras, più che altro per esigenze legate al bagaglio a mano del mio volo e a questioni di gradimento personale (…ma a chi piace veramente il foie gras?! Conosco solo pochissime persone e due di queste – ahimè – me lo sono ritrovate in famiglia).

DSC_0956.JPG

La Francia per me non è finita qui e oltre all’Alsazia ho nei miei futuri progetti di viaggio la Loira, la Provenza, la Normandia e la Bretagna, magari on the road, magari in bicicletta… Magari quando avrò un mese intero di tempo libero! 😉

Diario di viaggio: Strasburgo [Parte II]

Ci siamo lasciati con l’immagine dell’universo veloce e movimentato del Parlamento europeo, dove le ore passano come minuti e il mondo esterno sembra un meraviglioso quadro impressionista da contemplare da dietro una parete di vetro. Ora veniamo alla mia vera passione: visitare e scoprire il mondo.

Strasburgo città.

Strasburgo è una cittadina deliziosa, dall’architettura tipica della regione dell’Alsazia e dal fascino fiabesco, oltre che indiscutibilmente romantico.
L’arrivo alla Place de la Gare aveva già posto chiaramente le carte in tavola e alla fine di ogni giornata lavorativa non vedo l’ora di percorrere la strada lungo il canale che mi avrebbe portata verso il centro.
Il tempo di percorrenza dalle Istituzioni Europee alla zona della cattedrale è di circa 25 minuti, ma per me ogni passo corrisponde praticamente ad una fotografia – non posso farne a meno – e la passeggiata dura in sostanza 45 minuti pieni.
Ma si sa, e io ho sempre sostenuto che, la bellezza del viaggio sta (anche) nel tragitto e non solo nella destinazione…

DSC_0952.JPG

Lungo il famoso canale è meraviglioso godersi la tranquillità delle persone che passeggiano, di coloro che vanno in bici, o di quelli che sono seduti sulle sponde del fiume stesso. E che dire delle casette che si specchiano nelle acque e sembrano essere dipinte dalla mano di un pittore impressionista, quasi non paiono reali?
La piazza della cattedrale è un altro spettacolo per gli occhi e per il cuore. Notre Dame de Strasbourg è una delle tante “Nostre Signore” sparse per la Francia, ma, se non fosse per la popolarità, non avrebbe nulla da invidiare alla sua famosa sorella di Parigi. L’interno, che riesco a visitare nel mio ultimo giorno di permanenza in città, lascia davvero a bocca aperta per i rosoni, le finestre, le innumerevoli guglie, i dettagli gotici così spiccati e le altezze così svettanti. Per non parlare delle navate laterali dell’imponente costruzione, ammirabili dall’esterno nelle piazzette ricavate lungo i bordi della cattedrale, ancora più magnifica perché nascosta: non si riuscirà mai ad ammirarla nella sua interezza, non essendo preceduta da una piazza di uguali dimensioni. Un po’ come mi è accaduto per la cattedrale di Siviglia, si rimane basiti dalla scala possente di questi edifici, totalmente sproporzionati rispetto al resto delle architetture cittadine.

DSC_1025.JPG

Il fascino di Strasburgo sta in modo particolare nella sua disposizione lungo diversi canali, attraversati da ponticelli pittoreschi e circondati da casette ancora più adorabili. La zona prediletta per scoprire le casette in stile Hansel & Grethel, paragone che effettivamente rende l’Alsazia assimilabile ad una regione tedesca, è il quartiere della Petit France. Qui ho scovato degli angoletti veramente splendidi, dei vicoli e delle piazzette che possono non possono commentarsi a parole, tanto speciale è la loro bellezza. Questa è ovviamente l’area prediletta per le fotografie – oltre a quelle che già scattavo nel percorso dal Parlamento al centro, ricordate? – e non ci si può esimere dall’immortalare un quartiere che già di per sè sembra essere congelato in un’epoca – che dico! In una dimensione – diversa, dove lo scorrere del tempo si è arrestato da un pezzo.

DSC_1068.JPG

Non solo nella Petit France si scoprono scorci da immortalare, poiché la città, o almeno il centro, è totalmente una location da fiaba, e questo impone di camminare con lo sguardo sempre in alto, per non perdere la magia dell’aria. Magic is in the air… Ed è proprio vero: Magic is in Strasbourg.

 

Diario di viaggio: Strasburgo [Parte I]

Questo non è un semplice diario di viaggio.
Questo è il resoconto di una missione. E, badate bene, non si tratta di una missione per salvare il mondo. Non che non ne abbia le capacità, ma la responsabilità sarebbe troppo gravosa per la mia giovane età… 😛

Va bene, bando agli scherzi (perché spero abbiate capito che stessi scherzando) e veniamo a noi.

Arrivo. 

Il giorno del mio arrivo alla Gare Central non posso dire di avere i minuti contati, ma certo debbo affrettarmi per raggiungere la collega che mi aspetta in Parlamento al fine di espletare le procedure di accredito e registrazione.
Riesco comunque a formularmi una vaga idea, poi confermata, della tipologia di città che mi attenderà nei giorni successivi. La Place de la Gare mi fa subito un’ottima impressione: tanta gente, tanti giovani, tanta vita in giro. Tante biciclette. E le architetture… Già parlano da sole, ma ancora non dicono niente rispetto a quello che mi racconteranno nel pieno centro della città…

DSC_0941

Il Parlamento Europeo a Strasburgo

Il Parlamento Europeo di Strasburgo, dove si svolgerà gran parte delle mie giornate, è esternamente proprio come appare in televisione, capeggiato dalle bandiere dei 28 Paesi membri. Abituata alle sedi stratosferiche di Google, Salesforce ed Ebay, che ho avuto la fortuna di visitare a Dublino (ne parlo qui), non mi meraviglio della modernità e degli spazi aperti dell’edificio. Devo tuttavia ammettere che la disposizione dei piani e la sua struttura architettonica è particolarmente interessante ed affascinante. L’emiciclo, dove DSC_0945una volta al mese si tiene la seduta plenaria degli eurodeputati, è infatti ospitato in un edificio arioso, totalmente a vetri, fatto di ponti, corridoi aperti che si vedono da tutti i piani ed ascensori trasparenti in stile nave da crociera. I vari piani sembrano sospesi nel vuoto, come d’altronde lo sono le colonne di piante che si calano dal soffitto nella parte centrale dell’edificio, la parte attraversata dalle passerelle. Di ponti interni e, per l’appunto, passerelle, come quella famosa che attraversa il fiume e conduce all’emiciclo, ve ne sono diversi. Ma la bellezza sta nella quantità di gente che è continuamente in giro, che cammina per i corridoi e che transita nelle caffetterie, nelle sale riunioni, negli studi, per le scale mobili e per i tornelli di ingresso sotto gli occhi vigili del personale di sicurezza. Si respira un’aria di business, di una ordinata frenesia e dinamicità che contrasta con la lentezza avvertita in città, da contemplare nei riflessi delle case prodotti lungo i canali. I funzionari parlano al telefono, gli assistenti corrono dietro ai deputati per aggiornarli sulle novità di un dossier, persone che trasportano sul petto cartelline o documenti vanno da sole e dritte come un treno perché sono in ritardo al loro prossimo appuntamento, in un luogo in cui le riunioni, le assemblee, i meeting, le registrazioni e le conferenze stampa si susseguono una dietro l’altra senza un attimo di respiro e con frenetica regolarità.
È sicuramente un mondo a sé, un polo di lavoro molto movimentato, multietnico e multiculturale, aperto e veloce, come effettivamente l’Europa stessa dovrebbe essere.

Accanto al Parlamento, nella zona dedicata alle istituzioni europee, sorge il Consiglio d’Europa, e poco più in là si apre il bellissimo Parc dell’Orangerie, dove trascorro una pausa pranzo rilassata, in pieno silenzio e riverente contemplazione, distante dal continuo viavai, a tratti soffocante, di giacche, cravatte e tacchi che ininterrottamente si muovono tra gli ambienti del Parlamento.

DSC_0988

Vi aspetto al prossimo post per scoprire di più su Strasburgo città e auguro a tutti i lettori una felice domenica di PasquaRisultati immagini per icon easter egg

Un anno fa, c’eri tu.

E’ arrivato il giorno 11. Di già.
E’ già arrivato. E’ già passato un anno dal giorno 11 di un anno fa.

La prima cosa che ricordo nitidamente è il tuo abbraccio, forte ed affettuoso allo stesso tempo, con quel pancione che mi metteva tanta simpatia e quegli occhi celesti così buoni e dolci…

Gli occhi, gli stessi che ritrovo sulla tua foto, ma che non riesco nemmeno a guardare troppo a lungo. La vista si riempie di lacrime e come un velo queste annebbiano il mio sguardo. Ogni cosa perde forma, perde il suo vero colore.

Quando tutto sembra non avere più alcun senso, riaffiora la tua immagine dall’abisso dei ricordi e ti vedo di nuovo come per sempre avrei voluto vederti.

Porti una camicia a maniche corte ed un calzoncino fino al ginocchio. Sorridi, un po’ abbattuto forse, ma mai troppo debole. Il cappello e la sua visiera non possono mancare, così come il tuo fedele compagno di passeggiate, prima Sissi e poi Winnie, quando riuscivi ancora a muoverti senza sforzo. Uscivi. Uscivi per portare a spasso il cane, per fare la spesa, andare al mercato o accompagnare i nipoti a scuola. E venivi a trovarci al mare, ci salutavi al di là della recinzione, quando sull’altalena passavo ancora tutte le mie giornate.

In fondo adesso cosa cambia? Quei tempi sono passati da anni, e quegli anni sono ormai andati via col tempo. L’assenza già c’era, prolungata ma mai infinita. Troppo a lungo siamo stati distanti, troppo tardi quando ce n’era bisogno… In fondo cosa costava una telefonata? Noia, pigrizia, scarsa forza di volontà. Minuti preziosi da dedicare a qualcuno che non è meno prezioso di noi. Qualcuno che non è invincibile, qualcuno che non ci sarà per sempre.

Niente è più importante, niente è così essenziale. Tutto collassa, tutto sprofonda in un baratro. Ciò che conta, spesso non c’è più.

La stagione che si aspetta, primavera prediletta. 

Mi pare veramente difficile riuscire a condividere i versi di Loretta Goggi che diversi anni fa cantava: “Che fretta c’era? Maledetta primavera!“, giacché la primavera è a mio avviso la stagione più piacevole dell’anno. Premetto che non conosco la prosecuzione della canzone, essendo più familiare, tramite il canale Armando, con la versione adattata al tifo giallorosso.

Ciò non toglie che la primavera sia effettivamente la mia stagione preferita. E non perché c’è la Pasqua, ergo taaaaanta cioccolata, o il mio compleanno, ma piuttosto perché il passaggio all’ora legale è per me un evento di cruciale significato e rilevanza. Vuol dire uscire dall’ufficio con la luce ancora piena, vuol dire essere accompagnati dal sole per tutto il tragitto di ritorno a casa, vuol dire riemergere dai vagoni della metropolitana prima che il buio dei sotterranei invada anche il resto del mondo. Significa respirare giornate d’estate, significa spogliarsi di mille vestiti e viaggiare più liberi, sia di corpo che di spirito. Significa essere circondati da odori e profumi, venire inebriati da fiori e giardini in rigoglio, e scacciare la fretta tutta metropolitana di rincasare tra le mura domestiche, caldo riparo durante l’inverno.

Per me la primavera corrisponde a tante cose, prima fra tutte ad un approccio sereno e spensierato al quotidiano, ad un confronto positivo con giornate più lunghe, sensuali e promettenti. O almeno è il modo in cui me le figuro io. E si sa, la vita è tutta questione di come vogliamo vederla.

Con quanta trepidazione tutto l’anno ti si aspetta, mia dolce primavera benedetta!

Albicocchi in fiore, Vincent Van Gogh

P. S. Debbo certamente riconoscere alla Goggi i meriti per aver composto un’intera canzone: io al primo verso mi fermo 😉

Apriti cielo tour – Mannarino

Una voce calda e prorompente, avvolgente ed intrigante, che risuona, in un’acustica effettivamente da migliorare, all’interno dello stadio gremito per metà da coppie, amici, persone da sole, chi con una fascia tra i capelli, chi con un cappello in testa, chi con la sola voglia di divertirsi a ritmo di musica per una sera.
Serata sold out.
Il concerto di Mannarino al Palalottomatica è davvero un’esperienza che rifarei poiché non mi aspettavo si tramutasse in un ricordo così forte che mi è tornato alla memoria persino diversi giorni più tardi. È la sensazione incredibile che ti lascia, che non ti togli di dosso, e che ti accompagna per le ore successive, facendoti camminare a cinque metri da terra.
Sicuramente è l’effetto post-concerto, probabilmente è la conseguenza di una serata diversa, cui nono sono particolarmente abituata, ma l’immagine di Alessandro sul palco, accompagnato da un’ottima band di musicisti e coriste, allieta il mio risveglio la mattina successiva.
Mi piace la sua voce, così profonda e persistente, come l’odore di un profumo che rimane impresso sul foulard.
Mi piace il modo in cui si muove, la sua gestualità, la sua presenza scenica derivata da esperienze di recitazione che lo rendono sicuramente molto abile nel tenere il palco ed improvvisarsi nell’uso di travestimenti ed oggetti dal sapore arcaico.
Mi piace il suo stile di cantare, a tratti profetico, a tratti sussurrato. I suoi brani sono spesso parlati, raccontati, intervallati da pause e cori, lunghi istanti instrumental, i quali, a mio avviso, donano ancora più forza e vigore alla prosecuzione della canzone. Ogni testo si carica di un’energia enorme, mistica e misteriosa, è urlato al mondo con decisione ed eleganza, senza strafare, senza rubare la scena ai flauti, ai violini, alla batteria, al violoncello, alle varie tipologie di tamburi, alle chitarre, al sax e agli innumerevoli strumenti musicali dal gusto esotico che giocano in certi pezzi il ruolo di indiscussi protagonisti.
Mi piace che sia la musica ad adattarsi alle parole, e non il contrario come normalmente accade, vanificando testi e banalizzando storie. Se c’è da dire una cosa, lo si fa, e la musica si modellerà intorno a frasi già dense di intrinseca qualità sonora.
Mi piace il sound di diversa origine e derivazione, dagli spunti così lontani e variegati, mescolati sapientemente in note di samba, musica popolare, folkloristica, persino jazz, di stampo talvolta esotico ed orientale. E non mancano le reminiscenze di grandi artisti cui certamente Mannarino si ispira, per non parlare dei cantautori brasiliani che – egli stesso afferma – costituiscono il suo punto di riferimento più grande. Si respira Celentano, ci sento Sergio Caputo, Max Gazzé, nelle parti parlate anche Daniele Silvestri, e non si può non citare Vinicio Capossela.
Ascoltare musica dal vivo è sempre una grande emozione, ma Mannarino ha saputo renderla ancora più imponente perché mi ha sorpreso su tutta la linea, trascinandomi nel suo vortice dal magnifico sound che raggiunge il vertice nell’incipit e nell’arrangiamento generale di certi brani come Deija, Arca di Noè, Gli animali, Amba Arabam.
Musica per l’anima, musica che arriva in fondo, musica che solletica le corde più profonde delle emozioni con testi da ascoltare dall’inizio alla fine, poiché si parla di storie, racconti, profezie sull’umanità, si riflette giocando e non si celebrano versi sconnessi e scelti solo perché fanno rima.
La sua musica cantautorale merita a mio parere grande attenzione, se non altro per il coraggio di gridare al mondo ciò che pensa senza paura di essere giudicato o criticato.
Ho scoperto di amare la sua irriverenza, la sua provocazione e mi piacciono da morire quei testi che scottano, le parole che bruciano, risultano un po’ scomode all’inizio, ma sono poetiche e piccanti, ironiche e magnetiche.
Mi stupisce il grande artista che Mannarino dimostra di essere.
 IMG_3216
Questa è una storia da raccontare…

Moonlight [B. Jenkins]

Suddiviso in tre sezioni, che corrispondono alle tre fasi della vita, Moonlight racconta la storia e la crescita di Piccolo, il cui vero nome è Chiron, soprannominato Black da alcuni. Ma anche a Blue, come tutte le persone di colore appaiono alla luce della luna. Piccolo è il bambino, Chiron l’adolescente, mentre Black è l’uomo adulto, di una certa stazza e durezza, eppure caratterizzato dagli stessi tratti riservati e delicati di Piccolo, che in fondo è ancora.


Il film accompagna il protagonista attraverso le tre fasi cruciali e formative della vita, ma lo fa con una lentezza di gesti, dialoghi e movimenti che sorprendentemente cozza con la rapidità della macchina da presa, spesso coinvolta in vorticosi inquadramenti. E se all’inizio la tecnica può affascinare, oltre che risultare di certo immersiva e coinvolgente, più si procede con la visione della pellicola maggiore è il senso di pesantezza che si avverte.
La durata ridotta del film giustifica pertanto, a mio avviso, la presenza di una regia documentaristica – e a tratti amatoriale – che non può essere sostenuta per molto tempo. L’interpretazione del miglior attore non protagonista agli Oscar 2017 (Mahershala Ali) si gioca solo nella parte iniziale del film, un insieme di scene che ritengo troppo brevi, seppur d’impatto, per poter giudicare il calibro di un attore.
In merito al riconoscimento come miglior film, dopo la clamorosa gaffe durante la cerimonia degli Academy, ci sarebbe da discutere ulteriormente per il premio assegnato ad un film che raccoglie una serie scontata di stereotipi: un ragazzo di colore omosessuale, bullizzato dai compagni e nato da una madre tossica (Naomi Harris) che finisce la sua vita in una casa di cura. Quanto a Chiron, la sua vita ha un destino altrettanto tipico e segnato per un afroamericano che vive nelle degradate periferie americane senza un punto di riferimento tra le mura domestiche: spacciatore e figlio della notte, senza legami o amici, se non la sua prima ed unica fiamma del periodo scolastico, vale a dire un uomo poco consapevole della sua identità sessuale.
Con una regia comunque interessante ed apprezzabile, Moonlight crolla su tutta la linea per i suoi contenuti e la tecnica di narrazione adottata, facendo inevitabilmente interrogare il pubblico sulla natura della gaffe durante la cerimonia di consegna degli Oscar. Misunderstanding che probabilmente non avrebbe mai dovuto essere rivelato.

Libri in metro #55

Anno nuovo, lettori nuovi… Sui cari ed intramontabili mezzi pubblici romani. Perché anche se cambiano le tue abitudini ed il tuo posto di lavoro, loro non potranno mai mancare in gran parte della tua giornata.

I segreti del linguaggio del corpo [ROMA]

Decido di sedermi accanto a lei per vari motivi: due posti liberi, la linea di sedili più lunga… Ma sopratutto perché (Continua a leggere…)

Una notte interminabile 

Non so descrivere la disperazione di quella notte, il senso di smarrimento mentre ti cercavamo nel buio e gridavamo forte il tuo nome, con la speranza che prima o poi avresti risposto, nella fiducia che avremo udito un tuo lontano lamento, distante come ti eri arrischiato. Ma le nostre voci risuonavano strozzate nella notte e tornavano indietro come dei boomerang reduci da una spedizione fallimentare.
E tutti quei guaiti, no, non erano i tuoi, e non potevamo più credere che saresti magari comparso sul ciglio della strada.

Poi, un’idea, nel pieno della rassegnazione, la tua foto, ché a guardarla anche solo per un istante mi colmava gli occhi di lacrime ed il cuore di dolore.
Non so con quale lucidità io abbia agito in quel momento, così accecata dal pianto e dallo sconforto, ma ti ho “postato” e qualcuno, a quell’ora tarda di una notte per me interminabile, ha “commentato”.
Uno scambio di messaggi tra identità sconosciute e ti abbiamo ritrovato, tra le braccia di un’anima dolce che ti aveva accudito, durante le ore della nostra accorata ricerca e ancor prima, nell’inconsapevolezza della tua scomparsa.

Non so se tu ti sia reso conto di ciò che è successo, se è stata per te solo una gita di poche ore, lontano da casa in nostra assenza. Chissà se saresti tornato, ma non voglio immaginare l’angoscia di tale scenario: quello strumento così potente che, ormai quasi un anno fa, mi ha annunciato l’arrivo della morte in una camera d’albergo, l’altra notte mi ha riportato alla vita, nel silenzio di una automobile in giro senza speranza né meta.

Solo così ho capito quanto profondamente sei entrato nella nostra vita, quanto ne fai assolutamente parte, con tutto l’affetto che ci riservi incondizionatamente ogni giorno, senza chiedere nulla in cambio, solo un paio di carezze prima di metterti a dormire.
Non so descrivere il modo in cui, con la tua dolcezza e vivacità, hai cambiato la nostra casa e riscaldi enormemente i nostri cuori, donandoci sempre e solo gioia, nonostante gli sbalzi d’umore e le nostre superficiali preoccupazioni quotidiane.

Moka, questo il nome che abbiamo urlato a squarciagola nell’oscurità, io con il pianto nella voce che mi spezzava anche il respiro.
Moka, questo è il nome che ti abbiamo dato poche settimane dopo la tua venuta al mondo, quando avevi gli occhietti ancora semichiusi e l’equilibrio non proprio perfetto.
Moka, il nome che ci è stato ispirato dal colore della crema di caffè, che si avvicina più al caramello che al marrone, più alla nocciola che alla cioccolata.

Moka, ti prego, non scappare mai più.

Joy [David O. Russel]

Joy è una gran bella storia, debbo dire. È la storia di una grande donna. Ed è una bella prova per Jennifer Lawrence, che ho valutato molto più in gamba di quanto la credessi (anche se già con Il lato positivo, film, tra l’altro, diretto dallo stesso regista e con il trio Lawrence-Cooper-De Niro, aveva voluto dimostrare a tutti la sua stoffa).

Joy è la storia della rivalsa di una donna sulle sconfitte, i fallimenti e le disgrazie che la vita le consegna come indesiderati fardelli da sopportare. È la storia di una donna che svolge con tenacia e dedizione tutti i ruoli che è chiamata a ricoprire: una donna madre, figlia, moglie, sorella (anche se a metà) e lavoratrice. Davvero siamo così tante cose insieme? (O non ne siamo nessuna contemporaneamente, come sottolineerebbe Pirandello). È in fondo anche la storia di un sogno, infranto dagli eventi ma riscoperto forse proprio grazie agli eventi stessi, in una vita che al tempo stesso ti abbatte ma ti dà occasione per rialzarti più forte di prima.
Robert De Niro e Bradley Cooper fanno solo da spalla al l’interpretazione incontrastata della Lawrence, che trasforma il film in un memorabile one-woman show. In ambito teatrale si direbbe che sa tenere il palcoscenico: con il grande schermo la sua recitazione fa la stessa cosa.
Se la trama, pur basata su una storia vera, può sembrare già vista (seguire il successo sofferto di una donna tra mille peripezie domestiche e amorose non è effettivamente cosa nuova), in Joy non si scade mai nel sentimentalismo più smielato o nello strappalacrime esagerato. Lei non è una donna finta, studiata solo per l’intrattenimento cinematografico, ma un personaggio profondo e concreto, che affronta le piccole difficoltà di ogni giorno con una forza di volontà enorme, eppure così reale.

Di pregio sono anche gli espedienti narrativi adottati, i flashback e le metafore, il paragone della vita con una soap opera e i momenti apparentemente slegati dalla trama principale che enfatizzano ancor di più la verosimiglianza ad una esistenza ed una lotta reale, quotidiana.

La determinazione di Joy, intervallata da momenti di legittima fragilità, è una qualità che paga, che viene premiata. Ed è in fondo il lieto fine di una favola, iniziata con i sogni di una bambina e conclusa con l’affermazione di una donna e la sua rivincita sulla vita.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: