Diario di viaggio: Bruxelles – Day III

Il nostro ultimo giorno a Bruxelles inizia con un giro a piedi nel quartiere Les Marolles, la cui caratteristica peculiare sta nei murales che di tanto in tanto spuntano su una parete, immagini fumettistiche che colorano qualche muro spento. In salita, raggiungiamo il Palazzo di Giustizia passando per piazza Jeau De Balle, luogo di mercato durante il mattino. Più avanti, giungiamo nella zona del Palazzo Reale fronteggiato dal Parc de Bruxelles che decidiamo di percorrere al suo interno per rinfrescarci con un po’ d’ombra.
Dopo la visita al Parlamentarium che, se non fosse per il fatto che lavorando negli uffici del Parlamento ho già familiarità con molte caratteristiche dell’istituzione, è davvero ben fatto, divertente e coinvolgente, aggiornato e curato, per sensibilizzare i visitatori sul ruolo e il funzionamento dell’Unione Europea.

DSC_1307

Prima di dedicarci al pranzo in Place du Jourdan, diamo un’occhiata al Parc du Cinquantenaire che, stando alla cartina, sembra uno dei maggiori di Bruxelles.
Lo spuntino consiste in una serie di fritti che prima o poi avremo dovuto provare e che scopriamo in effetti per la prima volta: crocchette di formaggio, polpettine deliziose e speziate, spiedini di pollo fritto e salsiccione di würstel, anch’esso fritto ovviamente. Il tutto innaffiato da una bionda che, come tutte le birre in Belgio, costa meno di una bottiglietta d’acqua.
Sotto il sole caldo del primo pomeriggio abbiamo la non troppo fortunata idea di camminare per il quartiere Ixelles-Elsene che ha tutta l’aria di essere l’area ricca e residenziale di Bruxelles, sviluppata in salita e caratterizzata da palazzine eleganti e signorili, giardini curati e macchine di lusso.
Nel tardo pomeriggio, dopo una ulteriore passeggiata per Avenue Louise, la nostra visita prosegue al centro di Bruxelles, per rivedere i luoghi più noti ed assaggiare i tanto famosi – a ragione! – waffel, che sono una goduria pazzesca. C’è chi va per birra e patatine, e chi, come me da vera golosa quale sono, per i waffel e il cioccolato! In entrambi i casi, comunque, vale la pena visitare questa città.
Una vera delusione è tuttavia il Manneken Pis che simboleggia l’indipendenza di spirito degli abitanti di Bruxelles (o il coraggio in battaglia? … Esistono varie versioni) e raffigura un bambino che sta urinando. Si tratta, in poche parole, di una statuetta alta qualche centimetro ubicata all’incrocio di vie affollate da turisti e con alle spalle la parete di un edificio in rifacimento. Insomma, una finta e ridicola attrazione che solo i Paesi fuori dall’Italia hanno l’abilità di valorizzare: tanto di capello per questo, visto che noi non sappiamo proprio cosa significhi dare valore all’immenso patrimonio artistico-storico-culturale di cui disponiamo. Ma questa è un’altra storia…

DSC_1517

Ci imbattiamo nel Bru Jazz Festival con il suo palco nella Gran Place, la quale è ancora più gremita del solito ed è allestita con tavolini e stand di… indovinate? Birra e patatine. Ci concediamo quindi un aperitivo prima di addentrarci nelle vie limitrofe alla piazza e trovare un locale per la cena. Camminiamo per Rue des Bouchers, una zona similtrasteverina e quindi caratteristica per il suo folklore, e ci fermiamo poi da Chez Leon, per provare l’abbinamento tipico della città: cozze e patatine (già, di nuovo!) in un palazzo di più piani adibito a ristorante, dove i tavoli si trovano anche sulle rampe di scale, sui balconi interni e per i corridori, in un labirinto costruito su diversi livelli.
Place Royale il Mont des Arts sono le ultime tappe della nostra tre-giorni in Belgio, un tempo ideale per visitare la sua capitale e le due cittadine di Bruges e Gand nella regione delle Fiandre.

Il bilancio finale è più che positivo: un tempo favoloso, con temperature ben sopra la media di quei posti, e luoghi molto diversi dai nostri in termini di stile urbano e architetture, standard di pulizia e civiltà, sicurezza e cosmopolitismo. Le culture che popolano interi quartieri di Bruxelles sono impressionanti e si direbbe, senza sbagliare, che si tratta di una città multietnica. Ma i nostri occhi di ingenui viaggiatori non hanno visto tutta l’integrazione che si potrebbe e si vorrebbe immaginare, bensì tante situazioni di “voluta” ghettizzazione e separazione. Del resto conoscere posti nuovi serve anche a questo: più si viaggia più ci rende conto di non essere affatto i padroni del mondo, ma piuttosto dei suoi semplici ospiti.

DSC_1515

Annunci

Diario di viaggio: Bruxelles – Day I

A Bruxelles, dove arriviamo in tarda mattinata, il nostro itinerario inizia da una visita al Parlamento europeo, grazie ad una conoscente che ci permette di entrare e visitare gli ambienti di lavoro di commissione e deputati, l’emiciclo e le sale riunioni, così come gli spazi di svago (il caffè Mickey Mouse sembra essere, al pari del Parlamento stesso, un’istituzione) ed i servizi per i funzionari.

DSC_1301Ometto come riusciamo ad arrivare alla zona europea, dove hanno sede le altre istituzioni quali Commissione, Corte dei Conti, Banca centrale europea e Comitato europeo delle regioni, in una giornata in cui la città è blindata in attesa di Trump: vediamo qualche macchina dai vetri oscurati sfrecciare lungo i boulevard scortata da motociclette e vetture della polizia, ma sopratutto ci meravigliamo del massiccio dispiego di forze dell’ordine (non solo quel giorno, in realtà questa sarà una scena frequente anche fino alla fine del viaggio) disposte in fila lungo i marciapiedi, in prossimità delle fermate metro e dei “punti sensibili” legati alla visita del presidente degli USA in città.
Ancora non troppo ripresi dal viaggio e disorientati da una città che non conosciamo e in cui le strade principali sono off-limits, ci concediamo una sosta al Parc Leopold, alle spalle del Parlamento, e ci godiamo il sole e le piacevoli temperature che ci dicono essere rare in queste zone.

DSC_1305

Nel tornare verso il centro, passiamo per Place du LuxembourgRue Royale e poi per la Cattedrale di St. Michael e St. Gudula, fino ad arrivare a Place d’Espagne, deliziosa piazzetta con un buonissimo odore di waffel (forse qui un po’ cari) e diversi locali dove sedersi per una birra.
In direzione Gran Place, non possiamo non fermarci ad assaggiare qualche ottimo cioccolatino in uno dei svariati chocolatier che popolano le vie del centro, in una città che sembra a tutti gli effetti il regno della cioccolata. Credetemi, io impazzisco per il cioccolato, e qui ho trovato davvero l’appagamento assoluto per tutti i sensi. Ad ogni angolo c’è una boutique in cui la cioccolata è esposta in vetrina come fosse un’opera d’arte ed i cioccolatini (abbiamo provato quelli di Neuhaus e di La Belgique Gourmande) venduti come se fossero gioielli di una preziosità unica.

DSC_1512

La Gran Place è, un po’ alla stregua della cioccolata, prestigiosa e preziosa, con i suoi edifici placcati in oro e la maestosità degli spazi. Uno spettacolo a vederla dal vivo.
Proseguiamo verso Place Sainte Catherine dove ci fermiamo per mangiare “spareribs a volonté” da Amedeo, un ristorante che ha fatto della formula “costolette di maiale no limits” la sua forza.

DSC_1320

To be continued… 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: