Diario di viaggio: Strasburgo [Parte III]

Ho pensato di creare un capitolo a parte in questo diario di viaggio- o diario di una missione, che fa più cool- per dedicarlo alle scoperte gastronomiche immancabili durante un soggiorno in Francia.
Per l’aspetto enologico non sono purtroppo la persona più adatta e l’unica bevanda che ho provato, oltre all’acqua Vittel o Perrier, è stato il sidro, assaggiato durante la mia DSC_0938.JPGprima cena. Ho mangiato a La Plouzinette, o Creperie Breton (l’insegna riportava due nomi), in Place Saint-Etienne, uno di quegli adorabili angoletti di cui vi accennavo nei post precedenti, poco distante dalla cattedrale. Specialità del locale, piccolo ma curato in ogni dettaglio, crêpes di tutti i generi. E non si tratta delle crêpes cui siamo, o almeno sono, abituati in Italia, dal sapore delicato e ripiene come dei cannelloni, sovrastate poi da besciamella (e sono buonissime anche queste, ben inteso!), ma di crêpes più consistenti, realizzate con una farina probabilmente integrale, a giudicare dal colore scuro dell’impasto, e presentate semiaperte sul piatto. Io ho ordinato una crêpe tradizionale con jambon e comtè e mi sono poi lasciata tentare dalle proposte dolci, dividendo con il mio commensale una crêpes al caramello salato ed una ripiena di crema di nocciole locale.

Tra le raccomandazioni gastronomiche ricevute prima della partenza, non ho assecondato quella della quiche, a me e al mio stomaco già ben nota da Roma. Ho però voluto provare la famosa tarte flambé, ordinata nello specifico nella versione gratinee, ovvero con emmentaler in aggiunta agli ingredienti tradizionali: cipolla, pancetta e comtè. Si tratta di una sorta di pizza che è però molto più sottile e leggera, una sorta di crepe più croccante e consistente, ed è una vera specialità alsaziana. L’ho mangiata al Bistrot des Compains, a due passi dalla Petit France.

DSC_0967.JPG

Chi mi conosce sa bene che non esiste cibo più degno di essere chiamato tale se non i dolci, quindi mi sono concessa una pausa pranzo al Parc de l’Orangerie, degustando i tipici savoiarde della patisserie Patrick seduta su una panchina con vista lago.

L’esperienza croissant era già stata fatta a Parigi e debbo ammettere che Strasburgo ha riconfermato tutte le mie convinzioni: evviva i croissant e il pane francesi, evviva il burro usato come se non ci fosse un domani! D’altronde non mangio cornetti francesi tutte le mattine, quindi un’esplosione di fragranza e dolcezza, seppur provocata da ingenti quantità di burro, vale la pena di essere vissuta quando si è in suolo francese.

Riporto infine a casa altri fondamentali ricordi culinari di questa terra che, bisogna ammetterlo, in campo gastronomico sa il fatto suo. Formaggi e macarons sono stati preferiti al vino o al foie gras, più che altro per esigenze legate al bagaglio a mano del mio volo e a questioni di gradimento personale (…ma a chi piace veramente il foie gras?! Conosco solo pochissime persone e due di queste – ahimè – me lo sono ritrovate in famiglia).

DSC_0956.JPG

La Francia per me non è finita qui e oltre all’Alsazia ho nei miei futuri progetti di viaggio la Loira, la Provenza, la Normandia e la Bretagna, magari on the road, magari in bicicletta… Magari quando avrò un mese intero di tempo libero! 😉

Annunci

Diario di viaggio: Strasburgo [Parte I]

Questo non è un semplice diario di viaggio.
Questo è il resoconto di una missione. E, badate bene, non si tratta di una missione per salvare il mondo. Non che non ne abbia le capacità, ma la responsabilità sarebbe troppo gravosa per la mia giovane età… 😛

Va bene, bando agli scherzi (perché spero abbiate capito che stessi scherzando) e veniamo a noi.

Arrivo. 

Il giorno del mio arrivo alla Gare Central non posso dire di avere i minuti contati, ma certo debbo affrettarmi per raggiungere la collega che mi aspetta in Parlamento al fine di espletare le procedure di accredito e registrazione.
Riesco comunque a formularmi una vaga idea, poi confermata, della tipologia di città che mi attenderà nei giorni successivi. La Place de la Gare mi fa subito un’ottima impressione: tanta gente, tanti giovani, tanta vita in giro. Tante biciclette. E le architetture… Già parlano da sole, ma ancora non dicono niente rispetto a quello che mi racconteranno nel pieno centro della città…

DSC_0941

Il Parlamento Europeo a Strasburgo

Il Parlamento Europeo di Strasburgo, dove si svolgerà gran parte delle mie giornate, è esternamente proprio come appare in televisione, capeggiato dalle bandiere dei 28 Paesi membri. Abituata alle sedi stratosferiche di Google, Salesforce ed Ebay, che ho avuto la fortuna di visitare a Dublino (ne parlo qui), non mi meraviglio della modernità e degli spazi aperti dell’edificio. Devo tuttavia ammettere che la disposizione dei piani e la sua struttura architettonica è particolarmente interessante ed affascinante. L’emiciclo, dove DSC_0945una volta al mese si tiene la seduta plenaria degli eurodeputati, è infatti ospitato in un edificio arioso, totalmente a vetri, fatto di ponti, corridoi aperti che si vedono da tutti i piani ed ascensori trasparenti in stile nave da crociera. I vari piani sembrano sospesi nel vuoto, come d’altronde lo sono le colonne di piante che si calano dal soffitto nella parte centrale dell’edificio, la parte attraversata dalle passerelle. Di ponti interni e, per l’appunto, passerelle, come quella famosa che attraversa il fiume e conduce all’emiciclo, ve ne sono diversi. Ma la bellezza sta nella quantità di gente che è continuamente in giro, che cammina per i corridoi e che transita nelle caffetterie, nelle sale riunioni, negli studi, per le scale mobili e per i tornelli di ingresso sotto gli occhi vigili del personale di sicurezza. Si respira un’aria di business, di una ordinata frenesia e dinamicità che contrasta con la lentezza avvertita in città, da contemplare nei riflessi delle case prodotti lungo i canali. I funzionari parlano al telefono, gli assistenti corrono dietro ai deputati per aggiornarli sulle novità di un dossier, persone che trasportano sul petto cartelline o documenti vanno da sole e dritte come un treno perché sono in ritardo al loro prossimo appuntamento, in un luogo in cui le riunioni, le assemblee, i meeting, le registrazioni e le conferenze stampa si susseguono una dietro l’altra senza un attimo di respiro e con frenetica regolarità.
È sicuramente un mondo a sé, un polo di lavoro molto movimentato, multietnico e multiculturale, aperto e veloce, come effettivamente l’Europa stessa dovrebbe essere.

Accanto al Parlamento, nella zona dedicata alle istituzioni europee, sorge il Consiglio d’Europa, e poco più in là si apre il bellissimo Parc dell’Orangerie, dove trascorro una pausa pranzo rilassata, in pieno silenzio e riverente contemplazione, distante dal continuo viavai, a tratti soffocante, di giacche, cravatte e tacchi che ininterrottamente si muovono tra gli ambienti del Parlamento.

DSC_0988

Vi aspetto al prossimo post per scoprire di più su Strasburgo città e auguro a tutti i lettori una felice domenica di PasquaRisultati immagini per icon easter egg

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: