Diario di viaggio: Brugge e Gent – Day II

Poiché Trump non si è ricordato di mandarci l’invito per il summit alla NATO, il giorno della sua visita ufficiale a Bruxelles decidiamo di prendere un’altra strada, strada chiamata “in viaggio verso Bruges” e “in viaggio verso Gand“.
Partiamo da Gare du Midi e compriamo i biglietti direttamente in stazione, usufruendo della tariffa Go Pass 1, riservata ai minori di 26 anni, e di quella Weekend, considerato che il 25 maggio dovrebbe essere un giorno di festa nazionale in Belgio.
Forse per questo motivo, o più probabilmente per il fascino costantemente turistico della città, Bruges (o Brugge in lingua locale) è invasa da folle di turisti, come non ne ho mai visti nemmeno a San Pietro.

DSC_1376

A un’oretta di treno da Bruxelles si trova questa cittadina deliziosamente adagiata sui canali e certamente molto romantica, con il suo fascino medievale e l’atmosfera così fiabesca che vi si respira. Se Strasburgo sembrava uscita da una favola dei fratelli Grimm, Bruges fa venire in mente leggende medioevali di dame e cavalieri, ambientate tra ponti in legno, torri, castelli e merletti in ogni dove. Le due piazze principali, Markt e Burg, sono il cuore della città, così come lo sono le vie che vi conducono ed i ponti alle loro spalle, dove guadagnarsi la prima fila tra tutti i visitatori per fare una foto è un’impresa davvero ardua. Noi ci allunghiamo un po’ in “periferia” e scopriamo una piccola area residenziale in cui la pace regna sovrana: piccole casette a schiera in cortina, con il proprio giardino e cancelletto d’acceso, senza dimenticare le piante che su arrampicano lungo i muri, come in un perfetto quadro impressionista.

DSC_1415

Arriviamo ai mulini (senza camminare molto, Brugge non è così estesa!) posizionati al di sopra di piccole colline e nuovamente ci compiacciamo a vedere tanta gente distesa sui prati, all’aperto nei parchi, per catturare tutta la luce emanata dal sole sulla propria pelle.

DSC_1418

Torniamo sui nostri passi, verso la stazione, ma dal treno diretto a Bruxelles Midi scendiamo ad una fermata intermedia, Gand.
Di gran lunga meno turistica di Bruges, anche Gand ci colpisce positivamente, se non altro per la vivacità del centro, animato dalla manifestazione Food Truck Festival, cui non possiamo fare a meno di imbucarci. Nella piazza di Korenmarkt, tra cattedrali e guglie, torri e architetture gotiche svettanti contro un cielo limpidissimo, diversi camioncini e stand da tutto il mondo presentano la loro proposta di street food: vietnamita, asiatico, indiano, libanese, sudamericano, statunitense, italiano e spagnolo, fino a dar spazio ai padroni di casa, con le loro birre e le loro frities (patatine fritte, la cui porzione piccola equivale a un mega menù maxi di McDonalds). In una zona più distaccata, al di sotto di una struttura molto più moderna di tutto il resto e di cui non abbiamo compreso bene la natura, la festa continua con dj set, vini e ulteriori offerte gastronomiche. Impressionante è anche qui il numero di giovani, amici o coppie che trascorrono la loro serata lungo il canale, seduti a godersi la luce ancora intensa alle nove di sera, senza pretese e senza cercare chissà quale forma diversa di divertimento.

DSC_1469

DSC_1477

To be continued…

Diario di viaggio: Bruxelles – Day I

A Bruxelles, dove arriviamo in tarda mattinata, il nostro itinerario inizia da una visita al Parlamento europeo, grazie ad una conoscente che ci permette di entrare e visitare gli ambienti di lavoro di commissione e deputati, l’emiciclo e le sale riunioni, così come gli spazi di svago (il caffè Mickey Mouse sembra essere, al pari del Parlamento stesso, un’istituzione) ed i servizi per i funzionari.

DSC_1301Ometto come riusciamo ad arrivare alla zona europea, dove hanno sede le altre istituzioni quali Commissione, Corte dei Conti, Banca centrale europea e Comitato europeo delle regioni, in una giornata in cui la città è blindata in attesa di Trump: vediamo qualche macchina dai vetri oscurati sfrecciare lungo i boulevard scortata da motociclette e vetture della polizia, ma sopratutto ci meravigliamo del massiccio dispiego di forze dell’ordine (non solo quel giorno, in realtà questa sarà una scena frequente anche fino alla fine del viaggio) disposte in fila lungo i marciapiedi, in prossimità delle fermate metro e dei “punti sensibili” legati alla visita del presidente degli USA in città.
Ancora non troppo ripresi dal viaggio e disorientati da una città che non conosciamo e in cui le strade principali sono off-limits, ci concediamo una sosta al Parc Leopold, alle spalle del Parlamento, e ci godiamo il sole e le piacevoli temperature che ci dicono essere rare in queste zone.

DSC_1305

Nel tornare verso il centro, passiamo per Place du LuxembourgRue Royale e poi per la Cattedrale di St. Michael e St. Gudula, fino ad arrivare a Place d’Espagne, deliziosa piazzetta con un buonissimo odore di waffel (forse qui un po’ cari) e diversi locali dove sedersi per una birra.
In direzione Gran Place, non possiamo non fermarci ad assaggiare qualche ottimo cioccolatino in uno dei svariati chocolatier che popolano le vie del centro, in una città che sembra a tutti gli effetti il regno della cioccolata. Credetemi, io impazzisco per il cioccolato, e qui ho trovato davvero l’appagamento assoluto per tutti i sensi. Ad ogni angolo c’è una boutique in cui la cioccolata è esposta in vetrina come fosse un’opera d’arte ed i cioccolatini (abbiamo provato quelli di Neuhaus e di La Belgique Gourmande) venduti come se fossero gioielli di una preziosità unica.

DSC_1512

La Gran Place è, un po’ alla stregua della cioccolata, prestigiosa e preziosa, con i suoi edifici placcati in oro e la maestosità degli spazi. Uno spettacolo a vederla dal vivo.
Proseguiamo verso Place Sainte Catherine dove ci fermiamo per mangiare “spareribs a volonté” da Amedeo, un ristorante che ha fatto della formula “costolette di maiale no limits” la sua forza.

DSC_1320

To be continued… 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: