Diario di viaggio: Expo Milano 2015

Raramente mi succede di lasciar passare troppo tempo tra un avvenimento, i viaggi e le gite sopratutto, e quella che per me è la loro traduzione su carta, in parole. Lasciando stare ovviamente che qui la carta è virtuale.
Dunque, l’Expo.
Che gran parlare c’è stato. Piaciuto, non piaciuto, file, non file…
Ebbene anche io non posso dare una risposta univoca e lasciarmi andare in lodi entusiastiche di quella che, oggettivamente, è una manifestazione di tutto rispetto.DSC 047
Partiamo dal primo punto: mi è piaciuto?
Sì e no appunto, no e sì. Sono dell’idea che una esposizione internazionale, o meglio, universale, sul tema “alimentazione” avrebbe dovuto consentire un viaggio del mondo non solo attraverso i Paesi partecipanti, ma anche attraverso le loro cucine. Sarà che, per il discorso file che affronterò dopo, sarà per la stanchezza, sarà per quello che ci aspettavamo in partenza, l’offerta gastronomica non ci ha soddisfatti. È vero che ogni padiglione disponeva del suo ristorante ma, a parte il fatto che l’unico punto ristoro veramente accessibile era quello del Bangladesh (e vi lascio immaginare perché), i ristoranti che abbiamo avuto modo di approcciare con un timido ingresso in fila proponevano un menù che dire turistico è dire poco: piatti descritti in quarantacinque lingue, foto rappresentative accanto ad ogni pietanza, prezzi allucinanti. Siamo scappati. Gli Street food? Tanti e numerosi a quanto ci era stato detto – molto più economici dei ristoranti, andate! – insignificanti e scarni si sono mostrati ai nostri occhi. Oltre al fatto che – che ve lo dico a fare – le file si sprecavano anche di fronte agli umili chioschetti del cibo da strada, peraltro più dolce che salato e forse un po’ fuori luogo considerate le architetture strabilianti dei pavillons.
Punto due: le file.
DSC 048Dunque, premettendo che almeno per l’Expo ho potuto sfruttare la mia qualifica da pubblicista – la quale non viene minimamente considerata quando si tratta di cercare collaborazioni lavorative – cosa che mi ha permesso di avere un pass speciale “salta fila” in alcuni padiglioni (e non sempre con il mio accompagnatore sprovvisto ovviamente di badge), le file non sono la cosa più eclatante. La folla in generale  lo è. La calca di persone che cammina lungo il decumano e si infila sul retro dei padiglioni per dare inizio ad interminabili serpentoni umani che a mio avviso sono inconcepibili.
E pensare che il decumano si estende in lunghezza per 1,8 chilometri e non so quanti altri metri in larghezza. Immaginatelo sovrappopolato in ogni sua parte, angolo e direzione, tanto che, nonostante le notevoli dimensioni, per camminare bisogna fare a gomitate nel verso senso della parola. È impossibile passeggiare spensierati senza che ci si scontri con la folla umana da cui si è circondati e dalla quale è permesso uscire solo spintonando. Lascia davvero scioccati l’affluenza DSC 023dei visitatori, ma non in positivo. Intendo proprio che provoca traumi momentanei. E pensare che tutto questo era evitabile solo anticipando di qualche mese la visita, giacché da maggio a luglio, a detta di tutti, il sito risultava di gran lingua più agibile. Mi fa riflettere il fatto che questo grande numero di visitatori verso la chiusura dell’esposizione deve aver pensato nello stesso modo, ovvero ritardare la visita perché… Ah, i perché sono tanti, e mi ci metto anche io ad enumerare quelli che ho pensato: perché ci sarà meno gente (seeeeeee), perché d’estate l’affluenza sarà maggiore, perché fa caldo nei mesi di maggio, giugno e luglio, perché faranno delle offerte più si va avanti con il periodo, perché a maggio non tutti i padiglioni saranno consegnati, perché all’inizio ci saranno le varie inaugurazioni presenziate da personalità importanti che porteranno affluenza…
Niente di più sbagliato.
Ma vabbè, veniamo a noi.
Il diario di bordo del nostro lunedì all’Expo è stato il seguente:

  • visitato Palazzo Italia, Padiglioni Germania, Marocco, Oman, Kuwait, Qatar, Azerbajan, Angola, Turchia, USA, Indonesia.
  • prenotato la visita al Giappone e alla Thailandia, ma non usufruito della visita perchè in ritardo
  • fotografato buona parte di tutti i padiglioni
  • assistito allo spettacolo dell’Albero della vita
  • percorso il Cardo e il Decumano diverse volte
  • mangiato poco e niente
  • provato sulla nostra pelle il freddo di Milano alle 22.30

Come mio solito, avrei visto di più, ma DSC 036con Armando al seguito, che spesso non veniva accolto nei padiglioni come lo ero io, abbiamo dovuto accontentarci.
Nel complesso potrei dire che la manifestazione è qualcosa da vedere perché non vi si assiste tutti i giorni. L’architettura esterna dei padiglioni è strabiliante, sono tutti diversi ed uno più bello dell’altro… Per visitarli approfonditamente uno ad uno sicuramente occorrono più giorni e, se non fosse stato per il mio badge, non so quanto avremo effettivamente visto, giacché le file anche nei padiglioni meno di grido sono comunque da fare (mezz’ora minimo).
Mi pento, mi pento amaramente di non essere andata all’apertura dell’esposizione e poi – perché no – ritornata anche adesso una seconda volta!

Lascia un commento

10 commenti

  1. Io ho amato molto questa manifestazione e sarei voluta tornare una terza volta per finire la visita dei padiglioni…se vuoi dare un’occhiata al mio blog per il momento ho scritto una piccola introduzione all’expo ed in settimana pubblicherò l’articolo sui padiglioni!! A presto!!🙂

    Rispondi
    • Sì la manifestazione è molto bella, concordo, non si vedono tutti i giorni strutture così! Di notte è tutto ancora più spettacolare. Per un attimo mi ha sfiorato l’idea di trovare una seconda volta, ma poi gli impegni incalzanti mi hanno riportato alla routine😉 peccato, ci sarei tornata… Ma prima di ottobre avrei voluto tornarci!

      Rispondi
  2. Leggendo il tuo post mi sono convinta che la visita per me sarebbe stata snervante, quindi sono felice per l’ennesima occasione perduta.
    Un abbraccio

    Rispondi
    • Mia madre è della stessa opinione! Ma credimi, non é stato facile nemmeno per noi gestire contemporaneamente momenti di panico e sconforto dovuti all’invasione umana di quel luogo… In compenso la manifestazione è molto bella e secondo me da vedere!
      Un abbraccio

      Rispondi
  3. Io sono stata due giorni a settembre. Sono veramente contenta di esserci andata: rimasta estasiata dai colori, profumi, le strutture…Certo le file erano molto lunghe ma io ho saltato i padiglioni che richiedevano 3 ore del mio tempo stando in fila, poiché nelle stesse tre ore sono riuscita a vedere molto altro. Purtroppo sono di Roma per cui oltre i due giorni non sono potuta stare ma se fossi stata di Milano avrei fatto il pass per godermela in più giorni e entrate a tutte le ore. L’ho amata questa esposizione universale magrado qualche pecca. Per quanto riguarda il cibo sono riuscita ad assaggiare molto in diversi padiglioni sebbene i prezzi fossero veramente alti (ho usato un po’ di strategia dividendoci le spese con i miei compagni di viaggio🙂 )
    Comunque mi spiace per chi non è andato e lo critica a prescindere; per me Expo è stata un’esperienza grandiosa e seppure non perfetta non mi piace sentire critiche campate in aria per il pregiudizio di chi non c’è stato e magari se ne fa un vanto. Mi piace parlarne e argomentare soprattutto con chi essendoci stato può dire la sua in maniera più concreta. Ovviamente non si può mettere d’accordo tutti ma io personalmente mi reputo soddisfatta dell’esperienza😉

    Rispondi
    • Condivido il tuo entusiasmo e anche quello che sostieni in merito alle critiche sferrate senza conoscere: a chi mi chiede come ho trovato Expo rispondo che comunque secondo me è da vedere, perché in effetti non capita tutti i giorni di partecipare ad una manifestazione del genere. Hai fatto benissimo ad andarci due giorni, sono pentita di averci dedicato solo un pomeriggio!
      In quanto al mangiare, devo dire che non ho fatto il “viaggio del mondo” come mi aspettavo. Sicuramente la scelta gastronomica era ampia, ma ho potuto sfruttarla poco, un po’ per la stanchezza e un po’ per l’assedio ai luoghi di ristoro. Peccato per questo, ma di fatto mi colpevolizzo per non averlo girato come dovrei
      Mi ha fatto piacere scambiare qui le opinioni!

      Rispondi
      • Eh si bisognava organizzarsi per poter vivere a meglio l’esperienza dal punto di vista culinario. Per me è stato bello riuscire ad “assaporare” tutti quei paesi, come ho scritto tempo fa in un post: non ho comprato grandi souvenirs perché era un viaggio in cui si doveva acquistare cibo e riportarsi più sapori possibili e storie diverse e non gingilli!🙂 Comunque le file le ho patite anche io: mi hanno frenata molto, specialmente il secondo giorno che ero molto stanca.
        È piacevole lo scambio di opinioni se fatto con criterio, perché possiamo aver visitato lo stesso posto ma non è detto che abbiamo visto e percepito le stesse cose!😉

        Rispondi
        • Hai fatto benissimo a lasciarti andare tra i sapori… Di souvenir non ho acquistato nulla nemmeno io e come ricordo mi tengo le poche foto (poche per via delle persone che affollavano ogni luogo!) e le immagini dei mille colori che ancora vedo vivide nella mente.

          Rispondi
  4. Anonimo

     /  11 dicembre 2015

    Pare che alcuni padiglioni e l’Albero della vita lo lasceranno ancora in esposizione e aperto al pubblico da primavera! magari è una bella occasione per tornare😉

    Rispondi

Lascia Un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: