Tra dolce e salato

Se fosse stato per mio diletto personale probabilmente non mi ci sarei messa. È che quando sei chiamato a fare qualcosa il senso del dovere ti fa trovare spazi e momenti ai quali altrimenti non avresti pensato. 

Per evadere un ordine di catering pervenutoci all’inizio della scorsa settimana, ho dovuto trovare il tempo per preparare dolci e salati da consegnare al cliente. Per fortuna la mia mamma è sempre presente e si è quindi occupata delle crostate (che sono una garanzia perché solo lei sa farle così buone!). Io mi sono dedicata invece ai muffin e alla focaccia genovese che avremo poi farcito e tagliato in quadratini monoporzione. I primi li ho fatti ad occhi chiusi: sono semplici e veloci, sia a livello di preparazione che di cottura. Ecco la ricetta. 

Muffin di Nigella Lawson
(la cuoca americana che gira anche qualche programma su Gambero Rosso Channel)

SOLIDI: 

  • 250 g di farina 00
  • 180 g di zucchero
  • 2 cucchiai di cacao amaro (o amido di mais se volete farli bianchi)
  • 2 cucchiaini di lievito
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato
  • 150 g di gocce di cioccolato

UMIDI:

  • 250 g di latte
  • 90 g di olio di semi
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 1 uovo

PREPARAZIONE:

Mescolare con una forchetta tutti gli ingredienti solidi in una ciotola, quelli umidi in un’altra. Unire poi i composti amalgamandoli sempre con una forchetta, senza mescolare troppo.
A seconda delle dimensioni desiderate, versare il composto negli stampi/pirottini ed infornare a 200 gradi per una ventina di minuti.

N.B. Più piccoli sono i pirottini e dunque i muffin minore è il tempo di cottura.


La focaccia, invece, è stata un po’ più lunga, vuoi perché era la prima volta che mi cimentavo nella sua preparazione, vuoi per i tempi di lievitazione da rispettare e vuoi pure per il fatto che ne ho dovute impastare tre… un’intera mattinata è stata dedicata a loro. Non sono ovviamente mancati gli errori, prontamente redarguiti dalla capocuoca/pasticcera, dovuti al fatto che il lievito di birra presente in ricetta deve essere diluito all’interno della dose di acqua prevista dalla ricetta stessa e non in ulteriore quantità d’acqua. Il risultato è stato che la prima delle tre focacce presentava un impasto più liquido che ha richiesto più tempo di lievitazione e cottura. L’ho cotta in realtà un po’ troppo, sbagliando, ma sicuramente alla prima focaccia non sarebbero bastati i 15 minuti delle altre due, delle quali invece non ho di che lamentarmi. Per essere stata la prima volta, mi ritengo assai soddisfatta. Qui di seguito comunque la ricetta. 

Focaccia Genovese 

INGREDIENTI:

  • 600 g di farina manitoba
  • 500/600 ml di acqua tiepida
  • 40 ml olio EVO
  • 2 cucchiaini di zucchero
  • 15 g di sale
  • 12,5 g di lievito di birra (mezzo cubetto)
  • acqua, olio e sale grosso per condire

PREPARAZIONE:

Unire gli ingredienti mescolando con una forchetta (sembra che non conosca altri attrezzi culinari… :P). Versare l’impasto in una teglia coperta con carta forno ed unta. Far lievitare fino al raddoppio. Quindi allagare il composto su tutta la teglia e far lievitare nuovamente per un’altra ora. Praticare poi delle fossette in superficie con le dita e cospargerle di sale grosso ed un emulsione di acqua ed olio. Cuocere in forno caldo a 200 gradi per 15 minuti.

Ed ora mi mancano i segreti più complessi dell’arte culinaria, quelli che la genitrice custodisce con gelosia e divulga (se lo fa!) con riluttanza. Perché non puoi preparare un Tiramisù così come capita o seguendo una delle tante dozzinali ricette online. No, non puoi farlo se prima non pastorizzi le uova con lo zucchero e prepari la famigerata base semifreddo secondo le tecniche del maestro Montersino… 

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

4 commenti

  1. Che bontà!!!

    Mi piace

    Rispondi
  2. ma sei bravissima cara!!!, quella focaccia è veramente invitante, vorrà dire che ne preparerai una da portare quando passi in questi paraggi :):) un bacio Veronica.
    Angela

    Mi piace

    Rispondi
    • Purtroppo non sono riuscita ad assaggiarla perché appunto era destinata ad un rinfresco -.- ma il profumo era strepitoso! Se è venuta come quella di mia madre è una garanzia! Provvederò ad organizzarmi per fartene avere un assaggio 😉
      Una abbraccio ed un saluto a Marta!

      Mi piace

      Rispondi

Lascia Un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: