12 anni schiavo [Steve McQueen]

Sono un po’ abbattuta in questo periodo (credo lo abbiate capito da soli), cosa che mi ha spinto a declinare un invito al cinema dedicato alla visione di American Sniper, film di Clint Eastwood candidato agli Oscar. Un’altra uscita simile è saltata, sebbene questa volta non per causa mia, quindi anche Birdman (plurinominato agli Academy) per il momento non mi avrà come spettatrice.

Fortuna che il cinema a casa te lo porta Sky (sembrerebbe una promo, ma non lo è), quindi lunedì scorso, giorno dedicato alle premiére, ci siamo visti con i miei la pellicola trionfatrice degli Oscar 2014: 12 anni schiavo.

Ambientato nell’America schiavista dell’800 e tratto da una storia vera, il film narra le vicende di un violinista americano di colore, Solomon Northup, che in un giorno qualunque viene rapito da due mercanti di schiavi spacciatisi per artisti circensi interessati alla sua dote di musicista. Inizia così per il protagonista una discesa verso il basso, la violenza, la crudeltà, l’ingiustizia. Passa di mano e di proprietà di due ricchi latifondisti, ma se il primo è un brav’uomo, retto ed onesto, il secondo è una bestia aggressiva, sadica ed incline alla crudeltà più malvagia. E’ da questa seconda parte del film che provengono le scene più dure e toccanti, così forti che mi hanno costretto a chiudere gli occhi e ritrarre lo sguardo. Ma è proprio in queste scene che emerge la potenza della regia. Si fa prepotente il ricorso ai primi piani e alle scene dilatate, con cambi di inquadrature ma con lo stesso soggetto, immobile, inerme: Solomon che canta, Solomon che piange, Solomon che lotta per la vita mentre è impiccato con una corda ad un albero. La lunghezza delle scene riproduce il tempo effettivo della storia e rende perfettamente il senso dell’attesa e della strenua resistenza di uomini e donne sottoposti ad atrocità a causa solo del colore della loro pelle. Non ho mai visto rappresentato così bene l’odio che i bianchi (certi bianchi) nutrivano nei confronti dei neri come in questo film. Un sentimento terribile, una ferocia ed un astio disumano che quasi esce dallo schermo e ti contorce lo stomaco, facendoti avvertire come tale emozione stia scomoda nel cuore di ognuno. E difatti anche tu ti senti scomodo, ti muovi, ti rigiri sul divano e cambi posizione. La forza del film è proprio quella di entrarti dentro. La bravura degli attori, primo su tutti il protagonista, Chiwetel Ejiofor, ma anche Michael Fassbender, è la ciliegina sulla torta. Un capolavoro sotto tutti gli aspetti.

Annunci
Lascia un commento

6 commenti

  1. L’ha ribloggato su Scelti per voi.

    Mi piace

    Rispondi
  2. Io l’ho visto l’anno scorso, una volta tanto vedo un film prima di te! Ahahahah bellissimo!
    Un bacio!

    Mi piace

    Rispondi
  3. Nel 2010 visitai HARPER’S FERRY IN WEST VIRGINIA. questo paese, dove sbarcavano gli schiavi, ora è un museo aperto, negozi di ogni genere aperti ai turisti. Impressionante, fotografie di schiavi negri inchiodati sui muri , schiavi ricercati perchè fuggiti. Non sapevo che WASHINGTON DC fu costruito interamente dai schiavi.la popolazione di WASHINGTON e praticamente quasi tutta nera…. vai su wikipedia..HARPER’S FERRY WEST VIRGINIA.

    Mi piace

    Rispondi
    • Che posto incredibile deve essere! E forse anche agghiacciante. Gli Stati Uniti sono una meta che sogno da sempre e un sogno sarebbe andarci! Mi dovrò accontentare di guardare le foto da Wikipedia al momento.
      Grazie del tuo passaggio!
      Buona domenica!

      Mi piace

      Rispondi
  4. Ho recensito un altro film sullo schiavismo degli afroamericani: https://wwayne.wordpress.com/2015/01/30/inseguire-i-propri-sogni/. Che ne pensi?

    Mi piace

    Rispondi

Lascia Un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: