Il sale della terra [ J. R. Salgado e W. Wenders]

Questo blog è diventato monotematico: si parla di lettori, di metropolitane e di cucina. È ora di tornare per un attimo al vecchio stile…

Lo scarso numero di post relativi al cinema non è dovuto ad un calo della mia passione al riguardo, bensì ad una concreta mancanza di occasioni per vedere film di qualità e che vale la pena recensire.
Il sale della terra finalmente è uno di questi. Si tratta di un film documentario che ripercorre la vita e la carriera lavorativa del fotografo brasiliano Sebastião Selgado, artista che purtroppo non conoscevo e dalle cui opere sono rimasta abbagliata, poiché non ho mai visto immagini dotate di una così decisa forza comunicativa incarnata semplicemente da uno sguardo. La costruzione delle inquadrature nel complesso, la scelta dei soggetti, l’umanità che si legge nelle sue fotografie… Sono tutti aspetti che mi hanno lasciato senza parole. In ogni progetto intrapreso con la moglie, sua grande sostenitrice fin dalla gioventù, Salgado adotta una lente di ingrandimento differente per osservare il mondo, ma non si discosta mai dal suo interesse principale: l’uomo. L’essere che tanto attrae la sua attenzione si rivela presto qualcosa che Salgado non si aspetta, si mostra al suo obiettivo sotto un’altra luce, macabra ed agghiacciante. Salgado vuole rendere pubblici attraverso le sue immagini i massacri, i genocidi, le stragi di cui si macchia l’uomo in certi Paesi del mondo, i quali sono trattati da quest’ultimo con un’indifferenza tale da venire relegati alla periferia delle notizie. Solo le testimonianze dirette possono portare alla luce ciò che è sepolto sotto strati e strati di ignoranza. Per citare un esempio, in Ruanda Salgado segue le popolazioni in esodo verso altre regioni ed assiste alla repressione di migliaia di uomini, donne, bambini e anziani, abbandonati ai lati della strada come fossero carcasse vecchie, lungo un percorso lungo chilometri e chilometri. Mentre questo accade in una tale regione del continente africano, i brasiliani connazionali dello stesso Salgado lottano contro la dittatura militare che governa il Paese e mette a tacere nel sangue ogni dissenso. Dopo il viaggio in Africa, la voce narrante di Salgado racconta di essersi ammalata. D’altronde non era così difficile se si trascorrevano anni in mezzo a gente infetta da colera, malaria e malattie simile. Il punto è che Salgado ammette di essersi ammalato non nel CORPO, ma nell’ANIMO. Quello che i suoi occhi hanno visto, il suo cuore l’ha sentito nel profondo: come un proiettile che ti spezza il respiro. L’essere umano è un mostro, una belva, un forziere di morte, sofferenza e dolore. Ad un certo punto la voce dice che in alcune zone del mondo la morte non fa più paura: è considerata semplicemente la continuazione della vita, l’anello finale di una catena che si chiude a dovere. Ho interpretato l’ultimo progetto di Salgado, che il film presenta appunto nella conclusione, come una sorta di riscatto per i mali precedenti, come una cura per guarire da quel cancro dell’anima nato di fronte ai corpi pelle ed ossa fatti in frantumi, spezzati come bastoncini sottili. “Genesi” è il titolo del percorso ed è la prima volta in cui Salgado si misura con fotografie paesaggistiche e naturalistiche, essendo sempre stato un artista impegnato, sociale. Se il suo più grande interesse è l’uomo, allora perché rivolgersi alla fine della propria carriera alla natura? Un po’ perché portato dalla voglia di risollevare le sorti della fattoria/tenuta paterna, un po’ perché di fronte alla visione di ciò di cui l’uomo è bestialmente capace, la natura non può che essere un antidoto. Se l’uomo è un veleno che procura morte, la natura è una mano generosa che dona vita e che regna incontaminata, come la sola potenza cui ubbidire. E la natura non si ribella se la si asseconda e non la si piega ai propri bisogni. La natura sa essere maligna ma non ha esperienza di odio, avarizia, orgoglio, gelosia. La purezza che Salgado vede nelle vite stroncate dalle guerre è la stessa che ritrova in uccelli, elefanti, pinguini e tartarughe, con la differenza che nessuno di loro sa cosa vuol dire il Male. Forse neanche noi potremo definirlo con certezza, ma questa pellicola ci aiuta a farci un’idea.
Il film partiva già con un duplice vantaggio nei miei confronti: amante del cinema ed appassionata di fotografia, sapevo già che avrei dovuto aspettarmi un compromesso interessante e mi chiedevo solo con curiosità in che modo venisse declinato. E non sono rimasta delusa, anzi. Non sono proprio “rimasta” in nessun senso. Perché l’effetto che la pellicola ha suscitato nel mio animo è stato tutt’altro. Mi avevano detto, a proposito del film, che ti lasciava qualcosa dentro, una sensazione di amarezza mista a serenità, che sarebbe stata difficile da estirpare. Ma non immaginavo tanto. È stato come sentirsi rinascere, scoprire il mondo per come in effetti è, aprire gli occhi su una realtà di cui tutti siamo purtroppo all’oscuro e che sembra quasi non esistere, quasi non far parte della Vita. Sicuramente non si rimane nè delusi, nè entusiasti e nè indifferenti a quelle immagini che scorrono sullo schermo. Non si rimane e basta. Si cambia.

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

12 commenti

  1. Erik

     /  15 dicembre 2014

    Conosco un pò di storia di Salgado e non sono ancora riuscito a vedere il film, conto di farlo appena possibile perchè sono sicuro che non mi deluderà.

    mi è piacuta molto questa frase che hai scritto:
    ” Il punto è che Salgado ammette di essersi ammalato non nel CORPO, ma nell’ANIMO”

    perchè descrive i perche della vita di quell’uomo e tutto ciò che ha voluto lasciarci.. sperando di riuscire a riattivare la sensibilità della gente….

    Mi piace

    Rispondi
    • Io non conoscevo Salgado, mi sono informata su di lui prima di vedere il film che mi è stato caldamente consigliato da un paio di persone. Devo dire che sono rimasta affascinata non solo dalle sue fotografie, ma proprio dalla sua persona, i suoi ideali, il suo percorso di vita. Quella frase che hai riportato viene detta proprio dalla voce narrante del film e mi è ha colpito nel profondo, visto che difficilmente si rimane così feriti nell’animo come lui lo è stato.

      Liked by 1 persona

      Rispondi
  2. Erik

     /  15 dicembre 2014

    Ora sono io a concordare, ma in ogni caso credo che l’obiettivo finale sia diverso, chi ambisce ad un tipo diverso di ricchezza vive la sua vita indipendentemente dai domini della società, questo purtroppo genera una società frivola e vuota ma per fortuna permette a chi lo ricerca di vivere emozioni negli incontri con queste persone.. è forse anche un loro modo per sopravvivere…

    Mi piace

    Rispondi
    • Certo e la forza sta proprio nel non scendere a compromessi, non abbassarsi ai livelli predominante e puntare sempre in alto, perchè chi si accontenta della mediocrità non ha ambizioni ed ideali.
      Comunque non so se avrei il coraggio di vivere certe emozioni che Salgado ha provato. Bisogna essere ben temprati per dedicare la propria vita a quel tipo di imprese. Per questo mi ha colpito cosi tanto.

      Mi piace

      Rispondi
      • Erik

         /  15 dicembre 2014

        nemmeno io so se ce la farei…immagino però che il suo è stato un percorso con un escalation, che forse ci si è ritrovato dentro fino ad un punto che nemmeno lui immaginava e che forse se avesse potuto decidere a priori, magari avrebbe pure rifiutato.. o forse no, chissà.. 🙂

        Mi piace

        Rispondi
  3. davvero una recensione bellissima,non conoscevo questo regista nè avevo sentito parlare del film . Complimenti 😀

    Mi piace

    Rispondi
    • Grazie! Cerco sempre di trasmettere al meglio ció che il film ha trasmesso a me. Non so se il regista abbia fatto molti altri film.. Uno dei coregisti è proprio il figlio di Salgado.

      Mi piace

      Rispondi
      • mi sono appena innamorata della tua pagina “cinema da ricordare”,mi sa che passerò il resto della giornata(e della nottata) sul tuo blog XD XD

        Mi piace

        Rispondi
        • Ahaha grazie! Il cinema è una delle mie tante passioni.. Purtroppo in questo monento la sto coltivando poco 😦 ho visto che anche nel tuo blog parli di cinema, ti vengo a trovare allora! Comunque qui sei la benvenuta 😉

          Mi piace

          Rispondi

Lascia Un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: