La cena per papà [edited by Armandus]

Non avrei mai pensato un giorno di ritrovarmi in prima persona a scrivere in un blog e spero che questo non vi porterà disagio e soprattutto nessun tipo di fastidio.
 

Guardare spesso programmi televisivi inerenti al mondo della cucina mi ha sempre attratto, soprattutto perché mi piaceva viaggiare con l’immaginazione e pensare che il famoso chef o critico culinario fossi proprio io.
La stessa sensazione l’ho avuta la prima volta che ho visto Ratatouille, il cartone della Pixar che ha come protagonista un topo che riesce a cucinare e lasciare sorpresi tutti i commensali del ristorante più famoso di Parigi.
Ritornando con il pensiero a noi, l’altra sera ho proposto di cucinare un menù per un’occasione speciale, il compleanno di mio padre. Volevo trovare una ricetta nuova con dei prodotti semplici ma di grande gusto e, dopo una lunga ricerca fatta di notti inbianco, battibecchicon missTo organizzando (la proprietaria di questo blog), sono riuscito a mettere nero su bianco. In un primo momento avevo deciso di scegliere i piatti da preparare in base alla disponibilità della pescheria, ma l’impresa sarebbe stata molto ardua e ho preferito lasciare che fossero solo i grandi chef ad occuparsene.
Ho messo da parte tutta la mia indecisione e alla fine mi sono buttato su tre antipasti ed un primo (ovviamente, ragazzi, neanche a dirlo: tutto a base di pesce!)

  • Crocchette di ceci e gamberi
  • Alici con aceto balsamico e cipolla rossa di tropea
  • Cozze alla tarantina
  • Incannulate con cozze fiori di zucca e zafferano

La preparazione del menù non sembrava tanto difficile ed in effetti i giudizi sulla ricetta erano positivi e di bassa difficoltà, ma comunque sapevo bene che non era tanto la preparazione della ricetta quello che mi preoccupava, ma come avrei dovuto gestire il tutto. Semplice: ho fatto un bel respiro e ho iniziato a preparare una lista di cose da comprare, ovviamente calcolando alla perfezione le quantità.
Arrivati a casa abbiamo iniziato a sistemare le cose che ci sarebbero servite per la preparazione  ed esattamente alle 17:30 abbiamo iniziato l’operazione CENA PER PAPA’. Ovviamente questo è il nome in codice, ma per me era semplicemente cucinare insieme alla mia famiglia e missTo preparando (la proprietaria di questo blog).
La prima cosa che abbiamo fatto è stata la pulizia delle cozze ed una volta lavateper bene, levando la barbetta, abbiamo scaldato in una grossa padella (la mia super padella per la paella) l’olio, l’aglio, un punta di peperoncino ed un po’ di prezzemolo.  Subito dopo abbiamo aggiunto le cozze ed appenaDSC 085 hanno iniziato a schiudersi abbiamo concluso l’opera con un mezzo bicchiere di vino biancoper sfumare. Fino a qui sembra tutto molto semplice me il bello deve ancora arrivare….. Mentre io ero concentrato nella preparazione, avevo le mie due souf chef che ogni secondo mi chiedevano: Come posso aiutarti? Posso fare qualcosa? Ti serve un mano?
Dovevano per forza mettersi all’opera, così ho accettato i loro servigi. Mamma l’ho messa al taglio del prezzemolo che serve sempre e missTo arrabbiando (la proprietaria di questo blog) alla preparazione delle alici con crema di aceto balsamico e cipolla di tropea.
A questo punto, mentre le donne continuavano con in compiti assegnati, io ho passato il liquido delle cozze con il colino ed ho messo le cozze da una parte; nel frattempo ho fatto scaldare dentro un’altra padella olio ed aglio triturato; una volta dorato l’aglio, ho aggiunto prezzemolo, pomodori pelati e ho lasciato tutto sul fuoco. Amalgamatosi bene il pomodoro, ho aggiunto le cozze, il liquido della cottura dei molluschi e ho lasciato ancora che si cuocesse per qualche minuto. Al termine della preparazione ho sistemato  dentro una grossa pentola di coccio del pane precedentemente bruscato ed ho versato le cozze all’interno, con un’ abbondante dose di pepe e prezzemolo.
Mentre preparavo le cozze mi sono messo all’opera per organizzare le DSC 086crocchette di ceci e gamberi, un piatto che mi ricordava molto le tapas spagnole. In una padella ho fatto scaldare l’olio con la cipolla tritata, poi ho aggiunto i gamberetti sgusciati e subito dopo i ceci, un pizzico di pepe ed ho portato tutto a cottura per circa 10 minuti. A seguire, tutto il preparato è stato inserito all’interno di una grossa ciotola e con un mixer ad immersione abbiamo ottenuto  una crema speciale con l’aggiunta di un po’ di pan carrè triturato a cubetti e prezzemolo.
Nel frattempo mamma aveva finito di tagliare il prezzemolo (ne ha tagliato cosi tanto che ci basterà per tutte le cene fino a Natale) e in una pentola ha scaldato dell’acqua e fatto bollire i gamberi reali. Una volta cotti sono stati spellati. Ora vi chiederete: dove è finita missTo tagliando con la cipolla ( la proprietaria di questo blog)?
Era sempre lì a gironzolare e preparare la cena, ma poiché fondamentalmente non aveva niente da fare l’ho incaricata di aprire le uova e preparare il composto per friggere. Con la crema di ceci e gamberi abbiamo fatto delle pallette, all’interno delle quali abbiamo inserito i gamberoni reali lasciando la coda libera. Li abbiamo fritti in olio bollente ed infine presentati come da foto.
Adesso è il momento della pasta. Le donne hanno preparato e fritto i fiori di zucca con mozzarella di bufala ed un pezzettino di pomodoro pachino; io invece ho preparato il condimento della pasta. Ho preso le cozze ed una padella, uno spicchio d’aglio, un po’ d’olio ed ho lasciato che i molluschi si aprissero. Fatto ciò, ho tolto le valve vuote e con il liquido del condimento ho sciolto in un bicchiere 2 bustine di zafferano. Una volta cotta la pasta ho messo tutto dentro la padella aggiungendo lo zafferano. Qui mi sono accorto che le mie due souf chef avevano fritto tutti i fiori di zucca che sarebbero serviti anche per la pasta, dunque ho dovuto creare una modifica della ricetta. Ho messo nella padella in cottura con la pasta della rucola che dà quel gusto astringente che lega benissimo con il dolce delle cozze. Ho lasciato amalgamare per qualche minuto e poi ho preparato i piatti, guarnendo con i fiori di zucca fritti.DSC 087

Che cosa ho imparato da questa esperienza? Mi chiederete voi.
Forse a cucinare in un modo nuovo le cozze o preparare dei gamberoni sfiziosi, oppure a dare compiti a missTo studiando un libro (la proprietaria di questo blog) .
No, niente di tutto questo signori. Ho imparato che niente è facile, ma può diventare in un lampo molto semplice quando accanto hai le persone care che ti aiutano arealizzare tutto questo per un giorno speciale: il compleanno del mio papà.

 

Autore: Armandus

Correttrice di bozze: misScrutatrice di Universi

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

10 commenti

  1. Innanzitutto: ciao Armando!!!!

    Che cose buone! Mamma mia, non è ora di mangiare ma mi hai fatto venire una gran fame, e io adoro il pesce (da buona mangiatrice e brava isolana). E poi preparare le cose è bello, se ci metti buona volontà e passione, ma soprattutto la voglia di fare una cosa gradita nei confronti di qualcuno a cui vuoi bene. Sono contenta che sia riuscito tutto molto bene.

    p.s. MissTo organizzando potrebbe essere un soprannome anche per me, speriamo che Andrea non lo legga mai, se no siamo fritti.

    Mi piace

    Rispondi
    • Ciao Valentina, non ti preoccupare, non mi sembra Andrea un commentatore di blog 😉

      Hai ragione, io mi ci metto proprio con passione a studiare le nuove ricette e la cucina diventa il mio regno in quei casi!

      Mi piace

      Rispondi
  2. Carissima Veronica, i miei complimenti, prima per la tua bellissima iniziativa,( penso sia stato veramente un bel regalo per il tuo papà) e secondo poi ti sei cimentata in ricette veramente impegnative, il risultato è stato veramente eccellente le foto sono veramente belle, immagino anche il sapore anch’io adoro il pesce come te a guardare quei piatti viene una certa acquolina……
    un grosso bacio cara a presto.
    Angela

    Mi piace

    Rispondi
  3. Post davvero carinissimo .Complimenti per la sorpresa fatta ma ancor più per la dolce idea avuta. Quando si vuol bene ad un papà così è davvero splendido e vuol dire che è un ottimo papà capace di farsi amare. Un abbraccio. Isabella

    Mi piace

    Rispondi

Lascia Un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: