Diario di viaggio: Salentu, lu sule, lu mare, lu ientu.

Il Salento è la regione della Puglia che corrisponde alla provincia di Lecce e dunque al tacco del nostro stivale. Santa Maria di Leuca è esattamente il DSC_0253punto più a est della penisola e noi l’abbiamo visitata qualche anno fa.
In questa settimana siamo tornati nel già esplorato Salento e ci siamo stabiliti in una fantastica masseria del ‘500 nella campagna a largo di Presicce, a pochi chilometri da una delle località più rinomate della zona: le Maldive del Salento. Il tratto di costa tra Torre Vado, Pescoluse e Marina di Salve è denominato in questo modo così “esotico” per via delle lunghe spiagge sabbiose dai granelli sottili di colore dorato e per l’acqua cristallina, che brilla come un diamante quando è colpito in pieno dal sole con le sue tinte dall’azzurro al blu scuro ed una limpidezza da togliere il fiato. Abbiamo trascorso diversi giorni della settimana a mollo in questo mare così magico e distesi su questo paradiso di spiaggia. Lunedì e giovedì, tuttavia, ci siamo diretti verso altri lidi, in particolare a Porto DSC_0272Selvaggio, una caletta incastonata tra la roccia ed un luogo incontaminato immerso in un parco naturale appena a nord di Gallipoli, e Lido Pineta, spiaggia dalla sabbia chiara racchiusa in una bellissima cornice naturale e protetta da una pineta attrezzata con aree relax, bar, tavoli, amache, sala giochi e playground per i più piccoli. Devo dire che la pineta ha protetto anche la nostra pelle, ustionata dal sole caldo dei giorni precedenti, e ci ha regalato una giornata di svago e di fresco.
Lecce, regina del Salento e nota come la “Firenze del sud”, è stata oggetto della nostra visita l’ultimo giorno di permanenza in Puglia. Il centro storico si gira in una mattinata ed è veramente delizioso. Non mi aspettavo una città del sud così curata, pulita e ben presentata (le indicazioni turistiche così come i punti informazioni abbondano… Peccato che aprano tutti con comodo, dalle 9.30 in poi!). La nostra visita inizia intorno alle 8.30 quando le temperature permettono ancora di camminare freschi senza che il caldo DSC_0375ci sottragga energie. Iniziamo dalla Piazza del Duomo che si apre inaspettatamente dalle strette viuzze del centro. Lo stile architettonico predominante è il barocco leccese, caratterizzato dalle tipiche decorazioni opulente, dallo sfarzo e da motivi naturalistici esuberanti e reso particolare dall’uso della pietra leccese come materiale da costruzione. Percorrendo il corso, dove non possiamo far a meno di notare le botteghe di artigianato locale ed il trionfo della lavorazione della cartapesta, raggiungiamo Piazza Sant’Oronzio, la piazza laica in contrapposizione al luogo di riferimento ecclesiastico di fronte al Duomo dell’Assunta. Sulla destra della piazza ammiriamo le rovine di un anfiteatro romano di epoca augustea, impiegato durante l’estate per rassegne e spettacoli. Fotografiamo poi dall’esterno il castello Carlo V, così chiamato in onore del sovrano che decise la sua costruzione, e, studiando la mappa, ci facciamo un’idea della sua struttura con i quattro bastioni ai lati. Torniamo sui nostri passi lungo Corso Matteotti e facciamo una deviazione che ci consente di visitare le rovine del teatro romano, da tenere distinto dall’anfiteatro in quanto la sua funzione nell’antichità era diversa: l’anfiteatro ospitava le lotte dei gladiatori e tutto ciò che era destinato al sollazzo del popolo; lo spazio scenico teatro era invece dedicato alle rappresentazioni teatrali rivolte alle élite. Terminiamo il nostro giro con una visita alle chiese di Sant’Irene e Santa Croce, per poi riprendere la macchina parcheggiata alla Stazione di Lecce.DSC_0424
Parlando di Lecce non è possibile non citare una splendida scoperta che abbiamo fatto riguardo questa bella città: il pasticciotto. Si tratta del dolce tipico leccese, una meraviglia della pasticceria, il vertice più alto dell’arte dolciaria, una squisitezza per il palato ed un appagamento di qualsiasi appetito nello stomaco (da golosa quale sono, devo ammettere che il pasticciotto è uno dei dolci più buoni che abbia mai assaggiato). Noi abbiamo avuto la fortuna di poterli mangiare tutte le mattine, insieme ai biscotti, alle crostate, ai dolci, ai cornetti salati e con crema che la cucina della nostra masseria sfornava caldi a colazione. La ricetta tradizionale del pasticciotto lo prevede ripieno di crema, ma esistono numerose altre varianti (ricotta e pistacchio, cioccolato, crema e Nutella) che ovviamente abbiamo provato nella mitica pasticceria Martinucci, la più rinomata del Salento. Inutile dire che mi sono innamorata di quel luogo, un tempio enorme e luccicante dedicato alla Dea Pasticceria in persona. Ed è inoltre superfluo aggiungere che la mamma, depositaria della più raffinata arte dolciaria, è stata obbligata a ripetere la ricetta una volta tornati a casa.

P. S. Ah, dimenticavo, questa la canzone eletta a colonna sonora della vacanza.

Annunci
Lascia un commento

27 commenti

  1. Non ci sono mai stata ma quei posti devono essere stupendi. Per quanto riguarda i dolci, è un buon motivo per visitarli! Che fortuna avere una mamma provetta pasticciera in casa. 🙂

    Un abbraccio.

    Mi piace

    Rispondi
    • Noi siamo tornati in Puglia per il quarto anno e siamo stati già tre volte in Salento. Il mare è strepitoso e la terra merita davvero una visita.
      Un abbraccio a te Marisa anche dalla mamma provetta pasticciera!

      Mi piace

      Rispondi
  2. Anche io , nonostante vengo dal profondo sud, non ho ancora visitato bene questa terra… solo di sfuggita. Grazie cmq per condividere i tuoi viaggi… io tra qualche giorno scriverò quello che ho fatto io questo weeek end… condividere per conoscere questa è la regola:). Spero che le tue vacanze non sono finite qui però:)

    Mi piace

    Rispondi
    • Ehi, quest’anno niente Calabria! Siamo andati nella terra vicina 😉 Posso capire che tu, avendo già un mare fantastico dove vivi, non abbia la necessità di spostarti altrove. Per noi che veniamo da Roma e dallo “stupendo” litorale di Ostia e Fregene andare a sud significa goderci un mare che purtroppo non abbiamo a portata di mano.
      Lieta di condividere sul blog le mie esperienze, non lo farei altrimenti 🙂 E sarò curiosare di leggere le tue avventure!
      Le mie vacanze in realtà avranno una battuta di arresto ad agosto, quando mi aspetta il lavoro di intrattenimento turistico in Abruzzo, per poi riprendere ad inizio settembre, quando però imboccherò direzione Estremo Nord…

      Mi piace

      Rispondi
  3. Non so perché la Puglia non mi abbia mai ispirata più di tanto, anche se riconosco che ci sono davvero posti bellissimi. Complimenti per la vacanza!

    Mi piace

    Rispondi
    • Secondo me è una regione che sta vivendo il suo boom adesso, negli ultimi anni. Ti dirò: le Maldive del Salento hanno dei colori del mare che si possono paragonare a Stintino in Sardegna o San Vito Lo Capo.. Beh, sai dove 😉

      Mi piace

      Rispondi
      • Ma sai che San Vito è molto sopravvalutata? Ci sono spiagge infinitamente più belle. Quando ci sono andata io era sempre sporchissimo e poi l’acqua è proprio bassa per diversi metri. Non so perché sia così famoso come posto. Ad esempio la riserva dello zingaro è un miliardo di volte meglio 😉

        Mi piace

        Rispondi
        • Ci sono stata, era un gran caos, l’acqua bassissima è ideale per giocare a racchettoni o divertirsi con il pallone, ma certo non per nuotare. I colori sono spettacolari però *.* E non l’ho trovata affatto sporca quando siamo andati.
          In quanto alla riserva dello zingaro, non me ne parlare perché io lì ci ho lasciato il cuore. Preferisco di gran lunga le rocce e gli scogli alla sabbia che rende il fondale del mare tutto uguale! E poi lì sembra di nuotare in mezzo ad un acquario! Concordo, meglio la riserva!

          Mi piace

          Rispondi
  4. Che posti ed è incredibile scoprire che meraviglie del genere sono in Italia 🙂

    Mi piace

    Rispondi
  5. Benvenuti nell’estremo sud!!!

    Mi piace

    Rispondi
  6. Benvenuti nell’estremo Sud! 🙂

    Mi piace

    Rispondi
  1. Diario di Viaggio: Ostuni | Into The Wild
  2. Diario di viaggio: Salento e costa adriatica | Into The Wild

Lascia Un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: