The Wolf of Wall Street [M. Scorsese] – Parte I

Lo definiscono una commedia. Commedia nera, per la precisione.
Bah, non è certo un film facile da inquadrare e pertanto mi rimetto al parere di chi ne sa più di me. Ma quella di Scorsese è un’opera multiforme, talmente variegata e sfaccettata, e di una durata così interminabile che non può non lasciarti confuso al termine della sua visione. Personalmente, quando sono uscita dalla sala, non riuscivo a formulare una immediata opinione. Non sapevo proprio cosa pensare.
Adesso, a freddo, dopo aver fatto un giro di ricognizione su internet e aver letto le critiche del pubblico e degli esperti, mi sento in grado di parlarne con maggior cognizione di causa.
Iniziamo dalla trama, la quale può essenzialmente essere riassunta nel percorso di formazione del suo protagonista, nella sua ascesa e discesa nel mondo della borsa, delle transazioni finanziare, delle vendite spudorate di titoli ed azioni, in quel mondo che è anche il trionfo del vizio, del peccato, dell’accanimento per i soldi e della corsa all’eccesso. Jordan Belford, interpretato da un Di Caprio secondo me al di sopra delle aspettative, il broker di successo che getta nel cestino le banconote dei dollari perché non sa cosa farsene e come altro impiegarle, andrà incontro ad una decadenza prima ancora di arrivare in alto. La sua ascesa è, in poche parole, l’inizio del suo declino. Ma certamente non dal punto di vista finanziario: no, lui è il re del mondo in quel senso. Racconta la voce di Jordan all’inizio del film, mentre sullo schermo scorrono le immagini della sua vita sregolata e volta alla ricerca dei più sfrenati piaceri:
“Mi chiamo Jordan Belfort. L’anno in cui ho compiuto 26 anni ho guadagnato 49 milioni di dollari, il che mi ha fatto molto incazzare perchè con altri 3 arrivavo a un milione a settimana.”
No, più schifosamente ricchi non si può. Più sfondati di così è la fine del mondo. Ma Jordan è insaziabile, vuole spingersi oltre, non si accontenta, perde completamente di vista la ricchezza che già possiede e scarica la prima moglie in tre giorni, si fa di droga, si impasticca, sniffa qualsiasi tipo di sostanza possa fargli perdere il controllo. Perché odia essere sobrio.
Da qui comincia la sua fine, la sua disgregazione morale, l’integrità che da broker in erba ancora conservava ma che Wall Street gli strappa via come fosse un giocattolo da ragazzini che i veri uomini non usano più. E via con la dipendenza dall’alcol, dalla droga, dai sedativi e dal sesso. Non ne può fare a meno. Assume droga per vendere al meglio, per caricarsi di chissà quale energia che gli fa portare a casa milioni di dollari in poche ore. Ma come reggere la droga ed i suoi effetti collaterali? Sedativi, pasticche, farmaci. Emblematica la scena in cui egli si ritrova a strisciare e a rotolarsi a terra, vittima dell’eccessivo consumo di farmaci di cui è schiavo: un dosaggio incontrollato di quella roba lo paralizza, gli inibisce i movimenti e, cosa ancora più grave, lo rende un viscido individuo che non sa neanche più parlare. Farfuglia, sbava, il volto si contrae in orrende smorfie. E diventa un animale, un essere insulso privo di umanità. È un animale inutile che striscia e non riesce ad alzarsi, ma è anche l’animale aggressivo, senza paura e senza limiti, dentro gli uffici della sua società di investimenti: un lupo, un leone (il logo della sua azienda), un toro (il simbolo di Wall Street). È una bestia famelica, peccatrice, che si sporca di azioni illegali e malefatte pur di raggiungere la sua ambizione: guadagnare soldi, diventare ricco. Perché non c’è niente da fare, è questa la droga più forte, la sua dipendenza più cronica. Le altre droghe, il sesso, le orge, i divertimenti squallidi e disumani, vengono dopo, sono l’inevitabile conseguenza della brama di denaro, della spasmodica tensione verso il guadagno.

[To be continued… a breve su questi schermi!]

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

11 commenti

  1. Non lo visto, ma la tua recensione è eccezionale!

    Spero di riuscire a vederlo quanto prima, rigorosamente portando con me mia figlia 😀

    Mi piace

    Rispondi
  2. Io ho scritto quello che ne penso proprio qualche giorno fa…. http://lejourdenina.wordpress.com/2014/01/29/il-lupo-perso-nella-steppa-il-lupo-di-wall-street-di-martin-scorsese/ se ti interessa… Bella recensione comunque!

    Mi piace

    Rispondi
  3. Non l’ho visto neanche io ma, purtroppo, non amando Di Caprio (mi sta antipatico, non ci posso fare niente), penso che non sarei obiettiva 🙂

    Mi piace

    Rispondi
    • La mia “relazione” con Di Caprio è stata inizialmente di passione e di sogni romantici (ai tempi del Titanic era lui il mio uomo ideale!) mentre ora è di stima e ammirazione perché trovo che, sotto il punto di vista interpretativo, sia maturato enormemente. Non è un caso che Scorsese lo abbia preso sotto la sua ala facendolo diventare suo pupillo. In questo film è davvero mirabile.

      Mi piace

      Rispondi
  4. Be’, da quello che scrivi mi sembra lo specchio di certa realtà. Di Caprio non è proprio un simpaticone (come dice anche Valentina) ma non si può negare la sua bravura che è andata sempre crescendo negli anni. Non ho visto il film ma credo che la sua parte sia difficile.

    Bella recensione. A presto.

    Mi piace

    Rispondi
    • Ne parlerò meglio nella prossima parte della recensione, ma ho i miei dubbi circa la fedeltà della rappresentazione di Scorsese… Insomma, pare tutto esageratamente squallido e delirante, una sorta di esasperazione che non conosce limiti.
      Di Caprio si rende antipatico per via del suo personaggio e questo gli rende onore perché significa che è entrato perfettamente nel ruolo. In quanto agli altri suoi film, come dicevo, ho sviluppato mano a mano una sempre maggior stima di lui e non lo trovo affatto antipatico. Sarà che è stato il primo mio “amore”… 🙂

      Mi piace

      Rispondi
  1. The Wolf of Wall Street [M. Scorsese] – Parte II | Into The Wild

Lascia Un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: