La vita come proposta creativa contro la monotonia.

Di recente mi sono ritrovata a riflettere su una teoria che fino a poco tempo fa non mi era facile condividere: il fatto che, ridurre certi comportamenti, diminuire il verificarsi di particolari eventi, rendere più raro il sorgere di determinate situazioni, fa sì che queste ultime diventino un agognato oggetto di desiderio e facciano nascere in noi individui la voglia matta di "andare in quel posto", "fare quella cosa", "incontrare quella persona". Perchè? Perchè "è un sacco di tempo che non lo faccio".
Ebbene, è tutto qui il segreto dunque.
Quando la novità diventa piano piano abitudine, l’abitudine fa presto a trasformarsi in ordinario, un ordinario che non provoca più in noi alcuna reazione di stupore o alcun tipo di desiderio irrefrenabile. Se invece la novità rimane una sporadica iniziativa, quest’ultima, ogniqualvolta venga proposta, verrà sempre accolta immediatamente e con entusiasmo, senza dubbi o timori.
La vita dovrebbe essere una novità continua, una proposta sempre diversa e creativa, per evitare così di cadere vittime della monotonia.
Aaaaah, che brutta malattia la monotonia, quale peggior nemica di allegria e serenità…
Ma perchè dovrei preoccuparmi tanto? Perchè utilizzare questo tono, quest’accento di esasperata rassegnazione? In fondo, fino ad oggi, questa non è mai stata un mio problema.
E, grazie alle magnifiche persone che mi circondano, sono convinta che mai lo sarà.
Annunci
Lascia un commento

Lascia Un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: