Will Hunting

Se ti chiedessi sull’arte probabilmente mi citeresti tutti i libri di arte mai scritti. Michelangelo. Sai tante cose su di lui: le sue opere, le aspirazioni politiche, lui e il papa, le sue tendenze sessuali, tutto quanto… vero? Ma scommetto che non sai dirmi che odore c’è nella cappella Sistina. Non sei mai stato lì con la testa rivolta verso quel bellissimo soffitto. Mai visto.
Se ti chiedessi sulle donne probabilmente mi faresti un compendio delle tue preferenze. Potrai perfino aver scopato qualche volta. Ma non sai dirmi che cosa si prova a risvegliarsi accanto a una donna e sentirsi veramente felice.
Sei uno tosto, e se ti chiedessi sulla guerra probabilmente mi getteresti Shakespeare in faccia: “ancora una volta sulla breccia, cari amici? ” Ma non ne hai mai sfiorata una. Non hai mai tenuto in grembo la testa del tuo migliore amico vedendolo esalare l’ultimo respiro mentre con lo sguardo chiede aiuto.
Se ti chiedessi sull’amore probabilmente mi diresti un sonetto. Ma guardando una donna non sei mai stato del tutto vulnerabile. Non ne conosci una che ti risollevi con gli occhi, sentendo che Dio ha mandato un angelo sulla Terra solo per te, per salvarti dagli abissi dell’inferno. Non sai cosa si prova ad essere il suo angelo, avere tanto amore per lei, vicino a lei per sempre, in ogni circostanza, incluso il cancro. Non sai cosa si prova a dormire su una sedia d’ospedale per due mesi tenendole la mano, perché i dottori vedano nei tuoi occhi che il termine “Orario delle visite” non si applica a te.
Non sai cos’è la vera perdita, perché questa si verifica solo quando ami una cosa più di quanto ami te stesso. Dubito che tu abbia mai osato amare qualcuno a tal punto.
Io ti guardo e non vedo un uomo intelligente, sicuro di sé. Vedo un bulletto che si caga sotto per la paura; ma sei un genio Will, chi lo nega questo? Nessuno può comprendere ciò che hai nel profondo, ma tu hai la pretesa di sapere tutto di me perché hai visto un mio dipinto e hai fatto a pezzi la mia vita del cazzo.
Sei orfano giusto? Credi che io riesca ad inquadrare quanto sia stata difficile la tua vita, cosa provi, chi sei… perché ho letto Oliver Twist? Basta questo ad incasellarti? Personalmente me ne strafrego di tutto questo, perché sai una cosa? Non c’è niente che possa imparare da te che non legga in qualche libro del cazzo.
A meno che tu non voglia parlare di te, di chi sei… allora la cosa mi affascina, ci sto. Ma tu non vuoi farlo, vero campione? Sei terrorizzato da quello che diresti. A te la mossa, capo.”
Annunci
Articolo successivo
Lascia un commento

8 commenti

  1. Condivido in pieno la frase scritta a lato, la tua passione per il viaggiare e per il cinema. Io ho un blog che parla proprio di cinema anche se in realtà cerca di trattare anche altri argomenti tangenzialmente (la tangenziale però lasciamola a casa che il traffico di Roma lo odio!)
    Comunque questo film è di un’intelligenza incredibile oltre che essere bellissimo: è proprio l’ideale per far capire come la vita stia altrove rispetto alla carriera massima e alla realizzazione internazionale (quello per cui il prof di matematica vuole sfruttare il protagonista). Se non hai risolto le questioni sospese della tua vita, non è giusto buttarsi sull’altro versante a capofitto, è solo un cercare di insabbiare le cose che contano. Anche se non sono un genio, ecco mi sono riconosciuta decisamente in Will e nella sua autodistruttività. Avrei voluto moltissimo un (non) psicoterapeuta che mi avesse aiutato nei momenti difficili semplicemente ad aggiustare il tiro come succede qui…

    Queste confessioni a parte, ovviamente sei la benvenuta dalle mie parti 😉

    Mi piace

    Rispondi
    • Ti ringrazio del commento e del passaggio dalle mie di parti. 😉
      La scrittura, la lettura, il cinema ed i viaggi (mettiamoci pure la buona musica degli anni passati và…) sono ciò di cui vivo.

      Ricambierò senz’altro la visita,
      a presto!

      Mi piace

      Rispondi
  2. Ho trovato romantico in cui il personaggio di Robin Williams spiega a Matt Damon come abbia conosciuto la donna che poi sarebbe diventata sua moglie e come abbia rinunciato alla partita della vita per incontrare la donna della sua vita. Mi si è aperto il cuore !

    Mi piace

    Rispondi

Lascia Un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: